(Dave Thompson/Getty Images)
  • Mondo
  • venerdì 9 giugno 2017

I risultati delle elezioni nel Regno Unito

I Conservatori della prima ministra uscente, Theresa May, hanno preso più voti di tutti, ma non hanno più la maggioranza in Parlamento; i Laburisti di Corbyn hanno guadagnato molti seggi

(Dave Thompson/Getty Images)

Le elezioni politiche nel Regno Unito sono finite con una sconfitta per i Conservatori della prima ministra uscente Theresa May. Il partito ha ottenuto più voti in assoluto, ma ha perso la maggioranza in Parlamento e non potrà quindi governare da solo come aveva fatto negli ultimi anni, fino alla decisione di May di chiedere elezioni anticipate nella convinzione di potere ottenere più seggi per i Conservatori. I Laburisti di Jeremy Corbyn hanno recuperato rispetto all’elezione precedente, ottenendo un numero più alto di seggi, ma non avrebbero comunque i numeri per governare nemmeno se si mettessero d’accordo con il Partito Nazionale Scozzese e con i LibDem (che hanno già annunciato di non voler formare una coalizione). Quella che segue è la situazione, quando manca ancora uno dei 650 seggi parlamentari da assegnare.

Partito Seggi +/-
Conservatori 318 -12
Laburisti 261 +31
Partito Nazionale Scozzese 35 -19
LibDem 12 +3
Partito Unionista Democratico 10 +2
Altri 13 -2
Partito Voti in % +/-
Conservatori 42,4 +5,5
Laburisti 40 +9,6
LibDem 7,3 -0,6
Partito Nazionale Scozzese 3,0 -1,7
UKIP 1,8 -10,8
Green 1,6 -2,1
Partito Unionista Democratico 0,9 0,3
  • In Inghilterra i Conservatori hanno vinto con il 45,5 per cento dei voti contro il 42,1 per cento dei Laburisti.
  • Nel Galles i Laburisti sono arrivati al 48,9 per cento, guadagnando il 12,1 per cento rispetto all’elezione precedente; i Conservatori sono al 33,6 per cento con un guadagno del 6,3 per cento. Lo UKIP ha perso l’11,6 per cento fermandosi al 2 per cento.
  • In Scozia il Partito Nazionale Scozzese è primo con il 36,9 per cento dei voti, ma ha perso il 13,1 per cento rispetto alle politiche del 2015. I Conservatori sono al 28,6 per cento con un guadagno del 13,7 per cento, mentre i Laburisti si sono fermati al 27,1 per cento, pur guadagnando quasi 3 punti percentuali.
  • L’affluenza è stata del 68,7 per cento.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.