ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI
  • Italia
  • mercoledì 27 aprile 2016

Che cosa sono le buste arancioni dell’INPS

Servono a sapere che pensione si percepirà, in sostanza: le stanno ricevendo 7 milioni di lavoratori del settore privato

ANSA/MAURIZIO BRAMBATTI

Le cosiddette “buste arancioni” sono state inviate a 7 milioni di lavoratori del settore privato: si tratta di una campagna informativa dell’Istituto Nazionale della Previdenza Sociale (INPS) rivolta a tutti quegli iscritti e quelle iscritte che non hanno ancora attivato i codici per accedere al simulatore della pensione futura disponibile dal 2015 sul sito dell’INPS. Il servizio online si chiama “la mia pensione” e permette di simulare la pensione che si riceverà alla fine dell’attività lavorativa: il calcolo tiene conto della legge in vigore e si basa su età, storia lavorativa e retribuzione/reddito. È stato calcolato che solo un iscritto su cinque all’INPS ha usato questo servizio, che potrebbe essere utile soprattutto ai giovani che hanno particolare bisogno di fare una pianificazione lavorativa anche in vista della pensione a lungo termine.

All’interno della busta arancione (chiamata così per un’iniziativa simile della Svezia negli anni Novanta) ci saranno sostanzialmente tre informazioni:

1. L’estratto conto contributivo maturato fino a oggi, cioè la quantificazione dei versamenti che risultano accreditati finora all’INPS: i lavoratori potranno controllare i contributi che sono stati loro versati e segnalare eventuali anomalie.

INPS 2

2. La simulazione dell’importo del primo assegno della propria pensione futura: in particolare saranno indicate anche la prima data utile per avere diritto alla pensione di vecchiaia, una stima dell’ultima retribuzione e il tasso di sostituzione, cioè il rapporto tra l’importo dell’ultima retribuzione e il primo assegno.

INPS

3. I contributi futuri simulati: una stima teorica dell’INPS sui contributi futuri calcolati in base all’attuale lavoro.

INPS 3

Gli iscritti all’INPS che riceveranno la busta arancione saranno quelli con gestioni assicurative legate al fondo dei lavoratori dipendenti (anche domestici), quelle speciali dei lavoratori autonomi come ad esempio artigiani e commercianti, le gestioni separate.

Tutte le informazioni contenute nella busta arancione avranno un valore indicativo: con il tempo potrebbero infatti cambiare le regole di accesso al pensionamento, la propria carriera lavorativa e, precisa il Sole 24 Ore, anche «l’andamento dell’economia italiana, a cui è agganciata la rivalutazione dei montanti contributivi accantonati dai lavoratori». Il simulatore online “la mia pensione” permette invece di modificare alcuni parametri dando un risultato più realistico e aggiornato. All’interno della busta ci sarà anche un vademecum per accedere a questo servizio online.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.