• Italia
  • mercoledì 27 Aprile 2016

La storia di Boris Egorov, “l’uomo delle bolle” aggredito a Viareggio

Il video del dipendente di un negozio che minaccia un artista di strada è diventato virale, domenica c'è stata una manifestazione a cui hanno partecipato migliaia di persone

Negli ultimi giorni sta circolando online e su vari giornali nazionali la storia di Boris Egorov, ex medico russo che da anni fa l’artista di strada a Viareggio: con due bastoni, un anello di stoffa e un secchio fa bolle di sapone giganti sulla cosiddetta “passeggiata”, il viale con ristoranti e negozi che costeggia il mare. Giovedì 21 aprile Egorov è stato aggredito dal dipendente di un negozio: prima verbalmente e poi con una pompa dell’acqua aperta. La scena è stata filmata da Victor Musetti, autore di un documentario su Egorov, che a sua volta è stato minacciato: il video è stato pubblicato su Facebook, in poche ore è diventato virale e domenica 24 aprile è stata organizzata una manifestazione di solidarietà per Boris Egorov a cui hanno partecipato migliaia di persone.

Boris Egorov è stato minacciato da un dipendente del negozio “Mondodisco 48”, che gli si è inizialmente avvicinato dicendogli «Ti spacco la testa». Musetti, l’autore del video, ha spiegato che Egorov stava lavorando in un posto diverso dal solito «perché io gli facessi alcune riprese mentre faceva giocare i bambini con le bolle di sapone». Il dipendente del negozio ha insistito nelle sue minacce dicendo a Egorov: «Ma cosa sei tu eh, ma cosa sei?». Egorov gli ha risposto: «Io sono un uomo, tu sei un fascista». Poi, dopo aver preso il tubo dell’acqua, il dipendente del negozio ha prima bagnato l’asfalto e poi Egorov: è intervenuta anche la polizia, che ha ascoltato entrambe le versioni. Domenica 24 aprile, durante la manifestazione, il negozio è rimasto chiuso.

Il sindaco di Viareggio, Giorgio Del Ghingaro, dopo la pubblicazione del video, ha scritto su Facebook un messaggio a favore dell’artista di strada: «Viva le bolle di Boris». Oreste Bergamini, titolare di “Mondodisco 48”, il negozio davanti al quale Boris Egorov stava facendo le bolle di sapone, si è scusato con Egorov dicendo che «la situazione era scappata di mano»: i due, su invito del sindaco, si sono poi incontrati in comune e secondo quanto scritto da Il Tirreno, si sarebbero chiariti. Anche il dipendente del negozio, che nel frattempo è stato sospeso, ha presentato delle scuse: «Ho sbagliato e basta. Non ci sono giustificazioni. Le mie non sono scuse istituzionali o di facciata. Sono scuse sincere. Spero solo di essere creduto». Poi ha spiegato di aver ricevuto delle minacce su Internet e di aver bisogno di quel lavoro: «Al momento sono in attesa di comunicazioni. Non so niente. Non so se rientrerò, né quando. Quel lavoro mi ha permesso di prendere un mutuo e pagare una casa. Non mi vergogno a dire che, come molti, fatico a pagare le bollette. Magari ci sono persone impassibili a tutto. Io non sono riuscito a esserlo. Forse quel giorno ero anche arrabbiato. Non lo so. In fondo, cos’è la rabbia? Capita di litigare, anche pesantemente, e di fare pace dopo poco tempo».

Victor Musetti ha però raccontato su Facebook che Egorov sarebbe stato “attirato” in Comune senza una spiegazione chiara di quello che sarebbe successo: «Gli è stata tesa una specie di trappola nel senso che gli era stato detto che andava a parlare solo con il sindaco, quando invece era stata preparata questa messa in scena per fotografarlo insieme a Oreste Bergamini, per poter scrivere sui giornali che i due avevano fatto pace». Il sindaco di Viareggio ha invece negato: «Chi dice questo dice il falso, tutto falso e inventato. Ho dichiarato pubblicamente in consiglio comunale che avrei invitato le due parti a venire da me per chiarirsi, dopo che l’intera assemblea aveva manifestato il proprio sdegno per il gesto davvero insensato e violento che ha fatto il giro del mondo, tramite i social. Ho invitato i due, li ho fatti incontrare, si sono parlati davanti a me. Per evitare discussioni e fraintendimenti il colloquio è stato riservato e molto tranquillo, i giornalisti sono rimasti fuori e poi hanno fatto le loro interviste».

Lunedì 25 aprile Musetti ha scritto su Facebook un ultimo post sulla vicenda dicendo che «la faccenda è conclusa» e che «le reazioni suscitate da quel video sono andate ben oltre il necessario». Ha detto di non voler rispondere alle critiche di chi lo accusato di avere guadagnato visibilità dalla pubblicazione del video («Cosa avrei dovuto fare? Scavarmi una fossa?») e ha parlato, soprattutto, dei responsabili dell’aggressione: «Anche loro, i responsabili, adesso meritano un po’ di pace. Ho fiducia nel fatto che ci penseranno due volte prima di agire con violenza nei confronti di altre persone in futuro. Ho fiducia nel fatto che siano pentiti delle loro azioni. Quello che dovevano pagare hanno pagato. Chi non vorrà più entrare nel loro negozio lo farà come scelta personale, ma loro hanno diritto a riprendere la loro attività senza rischiare di essere aggrediti o insultati senza motivo. Adesso la questione è chiusa, passiamo oltre per favore».

La prima puntata del documentario di Victor Musetti su Boris Egorov