• Mondo
  • martedì 22 settembre 2015

Com’è davvero il viaggio dei migranti

Se vi siete stancati di leggere lunghi articoli e reportage, provate a farvi un'idea con le foto impressionanti scattate soltanto negli ultimi tre giorni

Migranti cercano di raggiungere a nuoto l'isola greca di Lesbo dopo che il gommone su cui viaggiavano è affondato, 20 settembre 2015. (AP Photo/Petros Giannakouris)

I ministri degli Interni dell’Unione Europea si riuniranno oggi a Bruxelles, in Belgio, per discutere su come gestire la crisi dei migranti in vista dell’incontro straordinario di mercoledì, a cui parteciperanno i capi di stato e di governo dell’Unione. Si parlerà di come distribuire tra i vari paesi dell’UE i circa 120mila richiedenti asilo arrivati negli ultimi mesi, che si aggiungono ai circa 250mila migranti arrivati a luglio e agosto. Bisognerà trovare una risposta anche alle richieste di molti paesi dell’est di avere maggiore sostegno per gestire la crisi, e al loro rifiuto a rispettare le quote obbligatorie proposte dalla Commissione Europea.

Nel frattempo dalla scorsa settimana la situazione è diventata ancora più ingestibile: migliaia di persone che hanno seguito la rotta dei Balcani sono entrate in Croazia, Austria e Slovenia, costringendo gli stati a chiudere anche temporaneamente le frontiere per l’incapacità di gestire l’emergenza. Ci sono stati scontri tra poliziotti e migranti in alcune città di confine mentre sono nate tensioni tra gli stati coinvolti, in particolare tra Croazia e Ungheria: la Croazia ha accompagnato sugli autobus migliaia di migranti in Ungheria, che ha risposto accusandola di aver violato le sue frontiere e di non essere pronta per entrare in Europa. La maggior parte dei migranti non è però interessata a restare in Ungheria ma ha proseguito il viaggio in Austria, nella speranza di arrivare in Germania o negli altri paesi nord-europei.

Un riassunto della situazione lo potete trovare qui, ma se volete capire ancora meglio cosa sta succedendo potete sfogliare le foto che abbiamo raccolto, scattate da venerdì in poi: mostrano persone che salgono speranzose sui treni in Macedonia o che – spaventate e sollevate – scendono dai gommoni che dalla Turchia li hanno portati a Lesbo, in Grecia. Ci sono le centinaia di persone che hanno camminato lungo l’autostrada di Edirne, città turca al confine tra Grecia e Bulgaria, e sono state poi bloccate per giorni dalla polizia; e i tanti che hanno dormito a terra, nelle strade e nelle stazioni ferroviarie di Tovarnik, in Croazia, dove sono arrivati dopo un lungo viaggio in Serbia. C’è un ragazzino che suona il violino davanti a uno schieramento di poliziotti turchi e una bambina che gioca con i poliziotti croati; pile di giubbotti salvagenti accatastati sulle spiagge greche e tende abbandonate lungo le rotaie. E poi gioia, paura, disperazione, stanchezza, qualche lacrima e qualche abbraccio.