Alcune foto dei padiglioni più belli di Expo, da non perdere. Da sinistra a destra, dall'alto in basso: il padiglione Zero, il bosco dell'Austria, il padiglione del Giappone, il padiglione del Marocco, l'alveare del Regno Unito e le dune degli Emirati Arabi Uniti (Il Post)

La lista dei 10 padiglioni più belli di Expo 2015

Per quelli che vogliono visitare l'Esposizione e vogliono essere sicuri di non perdersi niente di fondamentale

di Marta Cantoni – @martolaspis
Alcune foto dei padiglioni più belli di Expo, da non perdere. Da sinistra a destra, dall'alto in basso: il padiglione Zero, il bosco dell'Austria, il padiglione del Giappone, il padiglione del Marocco, l'alveare del Regno Unito e le dune degli Emirati Arabi Uniti (Il Post)

È normale provare una sensazione di straniamento la prima volta che si arriva a Expo: il posto è davvero enorme, i padiglioni e le cose da vedere sono potenzialmente tantissime, visitarle tutte in un giorno è impossibile. E quindi ci si chiede: da dove cominciare? Questa è una breve guida per tutti quelli che non sono ancora stati a Expo e vogliono capire cosa bisogna davvero vedere; ma anche per chi ci è già stato e vuole scoprire se ha saltato dei padiglioni che erano invece imperdibili. I dieci padiglioni consigliati qui sotto – dieci perché in una giornata difficilmente si riesce a vederne di più tra code e caldo, e questi sono tra i più affollati – non sono in ordine di importanza.

1. Il padiglione dell’Austria
È un bosco, di fatto: si percepisce il cambio di temperatura rispetto al Decumano – ci sono circa 5 gradi in meno rispetto all’esterno – e non per l’aria condizionata ma grazie al naturale effetto rinfrescante delle piante, che producono 62,5 chilogrammi di ossigeno all’ora. È un modo perfetto per allontanarsi dal caos di Expo e rilassarsi tra piante e scritte a LED, come “Nature Reloaded” (“La natura si ricarica”) e “We Grow Air” (“Noi produciamo aria”).

2. Il padiglione della Svizzera
Non aspettatevi un padiglione bello a vedersi – forse è uno dei più spogli e meno accattivanti dall’esterno – ma è quello che ha avuto l’idea più azzeccata di tutta l’Esposizione: i visitatori possono prendere gratuitamente dalle quattro torri riempite di cibo (con mele, sale, caffè e acqua) tutto quello che vogliono, ma se ne prendono troppo non resterà nulla per chi viene dopo. Una metafora che racconta il messaggio di Expo in modo semplice ma molto diretto.

3. Il padiglione del Marocco
Una delle più belle sorprese tra i padiglioni nazionali: può non sembrare un granché da fuori, ma è una delle tappe obbligatorie. Spiega benissimo le profonde differenze tra le varie zone del Marocco, è basato sull’olfatto e sulla percezione da parte dei visitatori della temperatura – freschissima all’ingresso, dedicato alla parte Mediterranea, caldissima all’uscita, dedicata al Grande Sud del paese – e ha installazioni molto scenografiche. All’uscita si può comprare un bicchiere di tè alla menta, buono e rinfrescante.

4. Il padiglione del Giappone
È uno dei più tecnologici di Expo – c’è per esempio una stanza buia che viene illuminata da immagini e luci proiettate sulle pareti formate da specchi (tramite una nuova tecnologia di projection mapping), in cui viene ricreato in modo molto scenografico l’ambiente tipico delle risaie giapponesi – ma non dimentica la tradizione locale. Lo spettacolo finale del ristorante del futuro è un po’ kitsch: fa divertire i bambini, ma può essere simpatico anche per gli adulti.

5. Il padiglione del Regno Unito
In pratica è un non-padiglione, visto che è formato soltanto da una struttura in acciaio e da un ingresso all’aperto che spiega il senso del progetto. Ma è sicuramente un non-padiglione molto bello da vedere, con i suoi 170mila pezzi diversi che sono stati trasportati dal Regno Unito in Italia separatamente, per poi essere assemblati a Expo. Si possono fare moltissime foto, perfette per Instagram, e propone una soluzione di abitazione sostenibile per il futuro ispirandosi agli alveari.

6. Il padiglione della Corea del Sud
È incentrato sulle nostre abitudini alimentari sbagliate – all’ingresso si possono vedere installazioni dedicate all’obesità e all’eccessivo consumo di cibo in scatola – e ha una bellissima parete ricoperta dai nomi dei piatti più famosi del mondo. Ci sono due robot che mostrano su due schermi verdure e alimenti sani, che dovremmo consumare per stare bene. Vale la pena assaggiare il kimchi, uno degli alimenti principali della Corea, a base di verdure fermentate e spezie.

7. Il padiglione del Brasile
In realtà il padiglione di per sé non è un granché all’interno, ci sono alcune installazioni interessanti e poco più, ma la rete del Brasile è una delle attrazioni più apprezzate (già un milione di visitatori in due mesi), sia dai bambini che dagli adulti. La passeggiata sulla rete sospesa sopra alle piante tipiche brasiliane simboleggia in teoria la varietà di tradizioni, paesaggi, culture e cibi che caratterizza il paese, ma soprattutto è divertente.

8. Il padiglione degli Emirati Arabi Uniti
C’è un video in 3D che spiega come le esperienze delle generazioni passate sono molto importanti anche nel presente, c’è una stanza dedicata alla prossima Expo che si terrà proprio negli Emirati Arabi, a Dubai nel 2020. Ma la cosa più bella è passeggiare all’interno del padiglione: sembra davvero di camminare nel deserto, se si alza lo sguardo si vede il cielo che contrasta con il rosso mattone delle pareti, che riproducono con apposite scanalature la superficie delle dune vere, acquisita con scansioni 3D.

9. Il padiglione Zero
È il primo padiglione per tutti quelli che arrivano a Expo dall’entrata Ovest di Triulza (con la metropolitana) ed è idealmente il primo da visitare, per entrare nello spirito dell’evento: all’interno si fa un viaggio attraverso la storia alimentare dell’uomo, dagli inizi a oggi. La finta biblioteca che i visitatori si trovano davanti appena entrati è molto d’impatto: simboleggia la memoria dell’umanità sull’alimentazione. Poi c’è una parete con tutti i principali semi del mondo e un impressionante “muro digitale” che raccoglie le fluttuazioni dei valori degli alimenti.

10. Il padiglione dell’Angola
È interessante innanzitutto scoprire che l’Angola è in grado di finanziare un padiglione così bello (quasi tutti gli stati africani hanno optato per un quasi anonimo mini padiglione all’interno dei Cluster tematici) perché negli ultimi dieci anni ha avuto una crescita economica fortissima, basata principalmente sul petrolio e sui diamanti. Oltre alle belle installazioni contenute all’interno, che spiegano la cultura e l’alimentazione angolana, vale la pena entrare in questo padiglione per salire sulla terrazza, la più alta di Expo, da dove si può ammirare il Decumano dall’alto.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.