• Mondo
  • martedì 17 marzo 2015

Il dito medio di Varoufakis

Sta circolando online – tra molte polemiche – un vecchio video che mostra il ministro delle Finanze greco fare il dito medio parlando della Germania

Aggiornamento del 19 marzo
Jan Böhmermann – conduttore del programma comico tedesco Neo Magazin Royale – ha detto di aver ritoccato il video aggiungendo la scena in cui Yanis Varoufakis fa il dito medio. Böhmermann ha pubblicato su Twitter un servizio che mostra la sua redazione impegnata a modificare il video, ma ha anche scherzato sull’ambiguità della situazione: ha mostrato un terzo filmato in cui Varoufakis fa il gesto con il dito indice, e ha invitato il pubblico a decidere quale filmato è quello autentico.

***

Nelle ultime ore sta circolando molto online, soprattutto in Germania, un video che mostra il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis parlare a un convegno della situazione economica della Grecia. Durante il video, parlando della Germania a un certo punto Varoufakis mostra il dito medio. Il video è del 2013, è stato girato a Zagabria e è stato trasmesso da una televisione tedesca il 15 marzo durante un’intervista in diretta proprio a Varoufakis (che era in collegamento) ma, secondo molti, decontestualizzato. Varoufakis all’epoca era un docente universitario.

Il video trasmesso dalla tv tedesca aveva anche immagini di Varoufakis con la giacca di pelle sulla moto e quelle con la moglie tratte dalle fotografie scattate per la rivista francese Paris Match, di cui si è parlato nell’ultima settimana. E poi si vede la scena del dito medio, parzialmente senza audio, con una voce fuori campo che commenta.

L’intervista a Varoufakis trasmessa dalla tv tedesca con il filmato del dito medio, dal minuto 1:50:

Varoufakis ha reagito dicendo che il video era stato ritoccato e che non aveva mai fatto quel gesto: «Tutto falso, come un altro montaggio in cui pare che rifiuti una stretta di mano all’ultimo istante a un ministro europeo». Qualche ora più tardi però ha ritrattato, pubblicando su Twitter il link al video completo (la scena del dito medio, dal minuto 39):

Varoufakis stava parlando della situazione dell’eurozona e della crisi. Aveva detto che secondo lui la Grecia non sarebbe dovuta entrare nell’euro, ma una volta entrata quella scelta andava considerata irreversibile: «non è che uscendo adesso ci ritroveremmo magicamente nel posto in cui saremmo se non fossimo mai entrati». Riguardo l’operato dei governi greci, Varoufakis dice nel video che nel 2010 la Grecia avrebbe dovuto dichiarare bancarotta, senza sottoporsi ai programmi della troika. «La mia idea è che si dovesse semplicemente dichiarare default, come l’Argentina, nel gennaio del 2010, ma rimanendo all’interno dell’euro; e mostrare il dito medio alla Germania dicendo loro “Bene, ora il problema ve lo risolvete voi”».

L’autenticità della registrazione è stata confermata anche in un comunicato pubblicato su Facebook dagli stessi organizzatori del convegno, che hanno comunque criticato i media tedeschi per aver decontenstualizzato le parole del ministro: hanno precisato che Varoufakis «parlava di una situazione ipotetica» e che parlando della Germania «intendeva chiaramente non lo stato o la popolazione, ma il governo tedesco che era a quel tempo, come oggi, il principale rappresentante delle politiche di austerità disastrose nell’UE». Hanno inoltre spiegato che i riferimenti al dito medio erano due: uno riguardo la Grecia e uno riguardo l’Argentina, e che entrambi erano rivolti a un sistema “neoliberista”, in Europa come in Sud America.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.