• Mondo
  • giovedì 19 marzo 2015

Il video di Varoufakis che non mostra il dito medio era finto

Il presentatore di un programma satirico tedesco ha detto di aver ritoccato un filmato in cui il gesto contro la Germania non si vede

Aggiornamento di venerdì 20 marzo
Giovedì il canale tv ZDF, che trasmette il programma comico Neo Magazin Royale, ha spiegato che il video in cui il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis non mostra il dito medio è stato ritoccato dalla redazione del programma: il video originale sarebbe quindi quello in cui Varoufakis fa il gesto. ZDF ha anche scherzato su Twitter dicendo che «ci sentiamo in dovere di segnalare d’ora in poi che Neo Magazin Royale è un programma satirico». Il servizio in cui la redazione modificava il video è stato twittato dallo stesso Varoufakis, che ha commentato che «la comicità, la satira, il prendersi in giro sono grandi risorse contro il cieco nazionalismo. Noi politici abbiamo davvero bisogno di voi». Il ministro ha negato di aver mostrato il dito medio, ma poi ha ritrattato e pubblicato su Twitter il filmato originale, dove il gesto compare.

***

Jan Böhmermann – conduttore del programma comico tedesco Neo Magazin Royale, trasmesso dalla tv pubblica ZDF – ha detto di aver ritoccato un contestato video in cui il ministro delle Finanze greco Yanis Varoufakis mostra il dito medio parlando della Germania. Il video, girato a Zagabria nel 2013, è stato trasmesso in un programma tv domenica sera ed è circolato molto online, provocando parecchie polemiche. Varoufakis ha negato di aver fatto il gesto e sostenuto che il video era stato modificato.

Mercoledì Böhmermann ha chiesto scusa su Twitter a Varoufakis, e pubblicato un servizio in cui mostra come la sua redazione ha ritoccato il video originale: un attore con una conformazione fisica simile a quella di Varoufakis viene filmato mentre fa il dito medio, l’immagine viene poi sovrapposta utilizzando effetti speciali e correggendo con cura le ombre. Böhmermann gioca molto sull’ambiguità della situazione: ha invitato il pubblico a decidere quale dei due video è autentico, e ne ha mostrato un terzo in cui Varoufakis mostra il dito indice.

Böhmermann non ha comunque modificato l’audio del discorso, in cui Varoufakis dice che sarebbe stato meglio se la Grecia avesse «mostrato il dito alla Germania e detto “Bene, ora il problema ve lo risolvete voi». Il canale tv ZDF non ha commentato l’ammissione di Böhmermann, ma ne ha ritwittato le scuse e il servizio pubblicato su Twitter.

 

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.