• Mondo
  • venerdì 3 ottobre 2014

Le foto del pellegrinaggio alla Mecca

Due milioni di fedeli musulmani vestiti di bianco sono arrivati nella città saudita per lo Hajj, che durerà fino al 7 ottobre

È in corso in questi giorno lo Hajj, l’annuale pellegrinaggio alla Mecca che i fedeli musulmani sono tenuti a compiere almeno una volta nella vita nel caso abbiano i mezzi per farlo. Lo Hajj quest’anno è iniziato il 2 ottobre e si concluderà il 7 ottobre: le date del pellegrinaggio cambiano ogni anno perché la sua celebrazione cade fra l’ottavo e il dodicesimo giorno del Dhu al Hijjah, il dodicesimo mese del calendario islamico, che segue il moto della luna. Lo Hajj è anche il quinto pilastro dell’Islam dopo la testimonianza di fede, la preghiera, l’elemosina e il digiuno del Ramadan.

I fedeli sono tenuti a recarsi alla Mecca, che si trova in Arabia Saudita, vestendo indumenti bianchi (in arabo ihram, che è anche lo stato di purezza a cui deve aspirare un musulmano prima di intraprendere il pellegrinaggio) al fine di sottomettersi simbolicamente a Dio rimanendo uguali davanti a lui. In quei giorni devono inoltre astenersi dall’avere rapporti sessuali, ma anche evitare attività come farsi la barba e litigare con gli altri. Il luogo del pellegrinaggio è la grande moschea della Mecca al cui centro c’è la Ka’bah, un edificio cubico e nero. Durante i cinque giorni di pellegrinaggio i fedeli celebrano diversi rituali, fra cui camminare per sette volte in senso antiorario attorno alla Ka’bah, bere dal pozzo Zamzam – che secondo la dottrina dell’Islam è stato creato da Abramo, mentre vagava nella zona in cerca d’acqua per suo figlio Ismaele – e inscenare la lapidazione del demonio.

Quest’anno, per via del timore della diffusione del virus ebola, il governo dell’Arabia Saudita ha impedito ai fedeli provenienti da Sierra Leone, Guinea e Liberia di compiere il pellegrinaggio (si trattava di circa 7400 pellegrini).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.