• Mondo
  • domenica 14 settembre 2014

Storia di una foto ritrovata tra i detriti del World Trade Center, dopo l’11 settembre

Una docente universitaria ha cercato il suo proprietario per tredici anni: e finalmente l'ha trovato, grazie a Twitter

Elizabeth Stringer Keefe, docente universitaria statunitense, per tredici anni ha cercato di rintracciare il proprietario di una fotografia che una sua amica trovò tra i detriti del World Trade Center dopo l’attentato dell’11 settembre 2001. La fotografia mostra una coppia di sposi nel giorno del loro matrimonio assieme a quattro amici. L’amica di Keefe le consegnò la foto un mese dopo l’attentato, pregandola di cercarne il proprietario (l’amica si stava trasferendo in California in quel periodo). Da allora, ogni anno in occasione dell’anniversario dell’11 settembre, Keefe ha cercato di ritrovare la persona alla quale apparteneva la foto, sia chiedendo aiuto ad alcuni suoi amici sia postando la richiesta sui social network.

Giovedì scorso, come ogni 11 settembre, Keefe ha ripreso la ricerca, postando la foto dei due sposi sul proprio account Twitter.

 

E un uomo di nome Fred Mahe ha risposto a Keefe, identificando le persone ritratte nella fotografia.

Venerdì, dopo che Mahe aveva mandato un messaggio a Keefe su LinkedIn, i due si sono sentiti al telefono. Mahe ha raccontato che la foto apparteneva a lui, ed era appesa nel suo ufficio all’interno del World Trade Center. Mahe è sopravvissuto quel giorno perché al momento dello schianto del primo aereo sulla prima torre non era ancora arrivato in ufficio. Mahe è anche presente nella foto – è l’uomo che guarda verso l’obiettivo – e ha raccontato che tutte e sei le persone ritratte sono ancora vive, e la coppia di sposi vive vicino a San Francisco. La sposa, Christine Loredo, ha poi contattato direttamente Keefe. Loredo ha detto a ABC News: «è bello sapere che in giro ci sono delle persone che hanno questo tipo di attenzione per degli sconosciuti: è una cosa che genera fiducia nei confronti delle altre persone».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.