Le primarie del Pd in Emilia Romagna

Si è chiarita la situazione: ci sono cinque candidati, tra cui i due renziani Matteo Richetti e Stefano Bonaccini, dopo il tentativo fallito di trovare un candidato "condiviso"

Il prossimo 28 settembre si svolgeranno in Emilia Romagna le primarie del Partito Democratico per scegliere il candidato che parteciperà alle elezioni di novembre per la presidenza della Regione, dopo che all’inizio di luglio il governatore in carica Vasco Errani si era dimesso in seguito ad una condanna in appello per falso ideologico. Ieri, mercoledì 27 agosto, con l’inizio della Festa nazionale dell’Unità a Bologna si sono anche chiarite le cose per quanto riguarda i nomi dei candidati alle primarie che invece, fino a qualche ora prima, sembravano piuttosto complicate: trattative, ritiri, chi-appoggia-chi, e così via. La scelta del PD è rilevantissima, in una regione che è da sempre governata da suoi esponenti: il vincitore alle primarie sarà salvo impensabili imprevisti il nuovo governatore.

Per ora, sono in cinque ad aver annunciato ufficialmente la loro candidatura. Roberto Balzani, ex sindaco di Forlì che, scrive Repubblica, «raccoglie una serie di adesioni trasversali e di protesta su alcuni temi caldi come l’ambiente»; Patrizio Bianchi, assessore regionale all’Istruzione ed ex rettore dell’Università di Ferrara, sostenuto dai “prodiani”, comunità politica che in Emilia ha ancora una forza; Palma Costi (unica donna e presidente dell’ultima Assemblea legislativa) che ha invece l’appoggio dei sindaci delle zone terremotate; e infine i due candidati più importanti, Stefano Bonaccini e Matteo Richetti, «amici personali, entrambi del Modenese, personaggi chiave del momento topico dell’avvento di Renzi alla guida del PD», scrive oggi Stefano Menichini.

Le candidature “forti” di Bonaccini e Richetti (un tempo bersaniano, segretario regionale del Pd e responsabile Enti locali in direzione nazionale, il primo; parlamentare da sempre vicino a Renzi, il secondo) sono il risultato del fallimento di un tentativo di mediazione all’interno del partito su una candidatura “unitaria”. Il nome sul quale per diverse settimane si era cercato un consenso condiviso era quello di Daniele Manca, sindaco di Imola e presidente dell’Anci dell’Emilia Romagna: avrebbe avuto il sostegno di Pier Luigi Bersani, di Vasco Errani e anche di Matteo Renzi e avrebbe messo in dubbio la necessità di fare delle primarie. In caso di rinuncia a candidature alternative a quella di Manca Europa ipotizzava: «Per Bonaccini si parla del ruolo di responsabile organizzazione del Pd, e addirittura della vicesegreteria del partito; per Richetti, invece, al momento non sembra in vista nessun incarico e forse è proprio questo uno degli aspetti che ha portato le trattative ad una situazione di stallo». Altri hanno invece ipotizzato che Renzi avrebbe proposto a Richetti di restare a Roma e di entrare a far parte del governo.

Comunque siano andate le cose ieri, in modo inaspettato, Matteo Richetti ha annunciato la sua candidatura («Abbiamo deciso. Ci candidiamo a guidare la nostra Regione per i prossimi 5 anni»). Poco dopo Daniele Manca ha fatto sapere che non parteciperà («Mi sfilo? Veramente non mi ero infilato», ha scritto su Facebook). E dopo qualche ora Bonaccini ha dichiarato: «Visto che non si è riusciti a comporre il quadro su un nome più condiviso possibile, ho deciso, viste anche le tante sollecitazioni da tutti i territori e anche trasversali, di candidarmi alle primarie». Matteo Renzi ha commentato: «Sono due amici, sarà una bella gara. Voglio loro molto bene. Sarà una sfida affascinante».

Sulla decisione di Richetti, Europa ha scritto che «l’accordo tra Renzi e Richetti, come detto già da tempo piuttosto lontani, è saltato. Richetti non ha ottenuto evidentemente dal premier garanzie sufficienti per abbandonare la corsa». Si tratta ora di capire come si posizioneranno rispetto a questa candidatura le diverse correnti del partito e anche l’ex presidente della Regione Errani. Richetti sarà molto probabilmente sostenuto da chi ha appoggiato Renzi fin dall’inizio, mentre con Bonaccini dovrebbe schierarsi quella parte di partito che è confluita su Renzi solo in un secondo momento.

Foto: Matteo Richetti alla trasmissione televisiva Ballarò, nel novembre del 2012 (Mauro Scrobogna /LaPresse)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.