• Italia
  • martedì 8 Luglio 2014

Vasco Errani si è dimesso da presidente dell’Emilia-Romagna

Martedì mattina era stato condannato in appello per falso ideologico, ricorrerà in Cassazione

Vasco Errani si è dimesso da presidente dell’Emilia-Romagna, dopo che martedì mattina è stato condannato in appello per falso ideologico. Errani era stato assolto in primo grado perché “il fatto non sussiste”, si è sempre detto innocente e ha annunciato che farà ricorso in Cassazione. I giudici lo hanno condannato a un anno di reclusione (pena sospesa con la condizionale) insieme a due funzionari della regione, condannati a un anno e due mesi.

Errani è accusato di aver istigato i due funzionari regionali a fornire informazioni imprecise ai magistrati che stavano indagando sui contributi destinati dalla regione Emilia-Romagna a una cooperativa agricola presieduta da suo fratello Giovanni. Errani aveva chiesto il rito abbreviato.

Spiega il Corriere di Bologna:

Il processo è collegato alla presunta truffa sul finanziamento da un milione alla coop agricola Terremerse presieduta nel 2006 dal fratello di Errani, Giovanni. La Procura generale aveva chiesto condanne di due anni per Errani, due anni e due mesi per i dirigenti regionali Terzini e Mazzotti, accusati questi due di concorso nel falso e favoreggiamento e tutti e tre assolti in primo grado. Errani, per il quale la corte ha disposto la sospensione condizionale della pena, era finito indagato per una relazione che nel 2009 fu inviata alla Procura per dimostrare la regolarità dell’operato della Regione nella vicenda del finanziamento da un milione alla cooperativa agricola presieduta da Giovanni Errani (attualmente a processo in primo grado per truffa ai danni della stessa Regione). Per l’accusa Errani istigò i due dirigenti a scrivere il documento per coprire irregolarità. In primo grado Errani era stato assolto dal Gup perché il fatto non sussiste, Terzini e Mazzotti perché il fatto non costituisce reato.

Vasco Errani ha 59 anni ed è un politico del Partito Democratico, a cui è arrivato dopo aver fatto parte del PCI, del PdS e dei DS. Era il presidente dell’Emilia-Romagna addirittura dal 1999; prima era stato consigliere comunale e assessore a Ravenna, consigliere e assessore regionale. La sua terza ricandidatura, nel 2010, fece molto discutere: avvenne in deroga a quanto previsto dallo statuto del Partito Democratico e fu contestata sulla base di una legge che limita a due i mandati consecutivi possibili per i presidenti di regione. Dopo molte contestazioni e ricorsi, il tribunale di Bologna difese la legittimità della sua rielezione perché la legge nazionale che l’avrebbe vietata non era stata recepita da una legge regionale.