Berlusconi non è più senatore

È finita, almeno in Parlamento: il Senato ha votato per la decadenza

Che cosa è successo, in breve. Dopo avere discusso per diverse ore la relazione della Giunta per le elezioni che aveva deciso per la decadenza di Silvio Berlusconi da senatore, il Senato intorno alle 17 ha iniziato le votazioni dei diversi ordini del giorno che chiedevano la modifica o la sospensione di quanto stabilito dalla Giunta. Ci sono state diverse votazioni con maggioranza ampia che è oscillata, a seconda dell’ordine del giorno in oggetto, tra 191 e 194. Sono stati respinti tutti gli ordini del giorno e di conseguenza il Senato ha preso atto della relazione della Giunta.

Con l’ultimo voto delle 17:42, Silvio Berlusconi ha formalmente perso la propria carica da senatore (tecnicamente è stata sancita la mancata convalida della sua elezione al seggio avvenuta in Molise).

Poco prima che terminassero le votazioni in Senato, Silvio Berlusconi ha tenuto un comizio in piazza del Plebiscito a Roma, criticando duramente la sentenza che lo ha condannato e invitando i militanti a proseguire nella loro azione politica. Ha poi confermato che continuerà a fare politiche anche fuori dal Parlamento.

18:03Qui trovate le foto dell’ultimo discorso tenuto da Silvio Berlusconi da senatore, in piazza.

Berlusconi

17:43 – L’homepage del Giornale in questo momento.

giornale-b

17:42Silvio Berlusconi non è più senatore della Repubblica.

17:41 – Altri ordini del giorno non approvati.

17:38 – E anche il sesto ordine del giorno viene respinto.

17:37 – Si va spediti, ora: il quinto ordine del giorno viene respinto.

17:37 – Stessa sorte per il quarto ordine del giorno: respinto.

17:36 – Anche il terzo ordine del giorno viene respinto.

17:35 – Sandro Bondi partecipa al dibattito a oltranza, che rallenta le votazioni. E dice che tanto “non serve a niente” e che “non c’è discussione che tenga”.

1 2 3 4 5 6 7 Pagina successiva »

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.