• Italia
  • mercoledì 24 aprile 2013

I 20 più giovani presidenti del Consiglio

Il più giovane di sempre in Italia è quello nella foto (sapete chi è?), Enrico Letta potrebbe essere il terzo, la classifica comprende anche Prodi e Berlusconi

Aggiornamento del 17 febbraio 2014
Dopo l’incarico, accettato con riserva, Matteo Renzi diventerà il presidente del Consiglio più giovane, qui la lista aggiornata.

***

Dopo l’incarico assegnatogli da Giorgio Napolitano, si attende che Enrico Letta sciolga la riserva e decida se presentare una lista di ministri al presidente della Repubblica. Qualora accettasse l’incarico e prestasse giuramento, Letta diventerebbe il terzo presidente del Consiglio italiano più giovane di sempre. Letta ha 46 anni e nell’Italia repubblicana solo due premier sono stati più giovani di lui: Amintore Fanfani, che lo diventò a 45 anni nel 1954, e Giovanni Goria, finora il più giovane del secondo dopoguerra. Goria, democristiano e già ministro del Tesoro dal 1982 al 1987, fu incaricato nel luglio 1987: il suo nome fu suggerito da Ciriaco De Mita, alla cui corrente – la cosiddetta “sinistra di base” della DC – apparteneva. Goria è morto a 50 anni nel 1994.

Il secondo della lista, Amintore Fanfani, fu uno dei più giovani in assoluto al momento del suo primo incarico, nel 1954, ma dopo quel governo (durato meno di un mese) ne presiedette altri quattro: per questo detiene tuttora anche il record per essere stato il più anziano primo ministro al momento di lasciare l’incarico, a 79 anni, nel luglio 1987. Gli succedette proprio Giovanni Goria. Tornando a Letta:, per otto anni, tra il 2000 e il 2008, Enrico Letta è stato anche il ministro più giovane della storia della Repubblica, dato che fu fatto ministro dell’Industria nel secondo governo D’Alema a 34 anni.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.