• Mondo
  • venerdì 18 maggio 2012

Le donne di Srebrenica

Adriano Sofri racconta su Repubblica che cos'è oggi la città in un giorno qualunque, e chi la abita

Adriano Sofri spiega su Repubblica che cos’è Srebrenica e chi la abita oggi: soprattutto donne, superstiti delle famiglie in cui gli uomini furono uccisi dai militari serbo-bosniaci comandati da Ratko Mladic nel 1995. Il processo a Mladic, presso un tribunale delle Nazioni Unite, è stato sospeso ieri per errori commessi dall’accusa nella trasmissione delle prove.

Srebrenica è un paesino, lo è sempre stata, tranne che in quel 1995, quando vi si erano ammucchiati a decine di migliaia gli sfollati bosniaco-musulmani. Sarebbe il paesino più triste del mondo, se non vi si arrivasse dopo aver già attraversato al contrario il percorso delle stragi di quei giorni di luglio: Kravica e il magazzino del mattatoio, e Potocari e i capannoni dismessi delle truppe olandesi in cui cercarono invano rifugio i disperati, e l’immenso cimitero memoriale. L’11 luglio di ogni anno arrivano decine di migliaia di pellegrini, famigliari che si raccolgono attorno alle tombe, persone che vengono a capire e ricordare – gli italiani sono i più numerosi. Oggi è un giorno qualunque, e Srebrenica è un paesino scadente, di case brutte, le diroccate e le nuove. In alto c’è la chiesa ortodossa ricostruita.

(continua a leggere sulla rassegna stampa della Camera)

Cosa fu Srebrenica, le immagini di profughi, assassini e fosse comuni del peggiore crimine di guerra in Europa dalla fine della Guerra Mondiale

Ramiza Gurdic, 59 anni, sopravvissuta al massacro di Srebrenica, guarda in televisione la diretta del primo giorno del processo a Ratko Mladic.
foto: ELVIS BARUKCIC/AFP/GettyImages

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.