• Mondo
  • lunedì 2 aprile 2012

Prendi in braccio un bambino

Le foto di uno degli espedienti comunicativi più vecchi e popolari di candidati e politici, più o meno goffi

Una volta, quando non c’era internet e non c’era Twitter e non c’erano le trasmissioni frivole a cui intervenire frivolamente, i leader politici o aspiranti tali dovevano ricorrere a idee più concrete, fisiche, stradali, per mostrarsi in contatto con la “gente” (la chiamavano persino “popolo”, allora). Andavano in giro per i loro paesi, facevano campagne elettorali sui treni, poi sugli autobus, stringevano mani, entravano nei negozi, bussavano alle case (“porta a porta”), ordinavano gelati. E soprattutto: prendevano in braccio bambini. Passaggio fondamentale che riassumeva in una comunicazione i messaggi “uno di voi”, “uno vicino a voi”, “uno buono” e “uno capace di cavarsela ovunque” (soprattutto trattandosi sempre di uomini). Anche se spesso capitavano incidenti, rispetto al cavarsela.

Parte di tutto questo è sparita, parte è diminuita, e parte è invece tornata attuale per sottrarsi alle oggi vivacissime accuse di “distanza dai cittadini” o eccesso di comunicazione “virtuale”. E il ruolo del bambino preso in braccio non è mai passato di moda, alla fine. C’è chi se la cava meglio e chi più goffamente: ma prima o poi ci provano quasi tutti.

– Le foto, i video e le storie di politici che mangianocantanoballanoparlano l’inglesefanno lavori manuali

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.