La soia non c’entra

salute

Con una discreta approssimazione i giornali italiani (ma anche di altri paesi europei) stanno titolando che responsabile dell’infezione da E. coli sarebbe “la soia”, a partire dall’annuncio di ieri da parte del Ministero della Salute tedesco. In realtà, complici le traduzioni e una scarsa competenza botanica, la sintesi è sbagliata. Come spiega il blog “Terminologia etc.”.

Per i media italiani, sarebbero i germogli di soia la nuova causa dell’epidemia da Escherichia Coli in Germania:

titolo Repubblica

titolo La Stampa

Ma perché proprio la soia, protagonista anche dei titoli spagnoli (esempi qui e qui)?

imageI media tedeschi parlano infatti di generici germogli,Sprossen (esempi: Sprossen sind mögliche Ehec-Quelle eSprossen könnten Ursache sein), sottolineando che l’azienda che si sospetta all’origine dell’infezione ne produceva 18 tipidiversi; Der Spiegel fa alcuni esempi includendo tra i possibili germogli quelli di fagioli mungo, di ravanelli, di piselli e di lenticchie ma non di soia.

I media britannici usano la parola beansprout (anche bean sprout), che in inglese inizialmente indicava soprattutto i germogli di mung bean (fagioli mungo) ma che ora è unadescrizione generica per tutti i tipi di germogli.

(continua a leggere su Terminologia etc.)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.