Trovare una “soluzione terza” per la Giustizia

Il senatore Ceccanti del PD difende alcune "norme autenticamente liberali" nella riforma Alfano

«Guai a regalare al Governo e alla maggioranza norme autenticamente liberali come l’inappellabilità delle sentenze di assoluzione di primo grado»

Oggi il Riformista intervista il costituzionalista e senatore del Partito Democratico Stefano Ceccanti sul progetto di riforma della Giustizia presentato dal Governo. Ceccanti chiede al suo partito di farsi rappresentante con proposte diverse di alcune condivisibili norme contenute nella bozza.

«Lo status quo è indifendibile perché il servizio giustizia è ampiamente autoreferenziale, privo di reali elementi di valutazione e di correzione». Così dice al Riformista il senatore del Pd e costituzionalista Stefano Ceccanti, che è tra quanti non condividono la linea del no assoluto alla riforma dell’ordinamento giudiziario.
Ceccanti condivide lo scetticismo sulle buone intenzioni del governo, ma suggerisce a Pier Luigi Bersani di non trincerarsi in una mera difesa dell’esistente: «Il ruolo dell’opposizione riformista consiste, nei casi cui la situazione di partenza è obiettivamente indifendibile, nel prospettare una soluzione terza tra lo status quo e cambiamenti in larga parte non accettabili».
Cosa è inaccettabile nella proposta Alfano?
La proposta più pericolosa è quella di vincolare l’obbligatorietà dell’azione penale alla decisione delle maggioranze parlamentari che, peraltro, potrebbero poi trasferirla al Governo. Qui occorre invece partire da ciò che accade adesso, il grado di discrezionalità con cui operano già i procuratori, avvicinando ad essi i responsabili locali, analogamente ai comitati per l’ordine e per la sicurezza, valutando così obiettivamente le esigenze prioritarie delle comunità.

(continua a leggere sul sito del Riformista)

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.