• martedì 1 febbraio 2011

Sarasota, la città più povera degli Stati Uniti

È Sarasota in Florida: la disoccupazione è cresciuta del 300% in quattro anni

Con una percentuale di persone che vivono sotto la soglia di povertà passata in due anni dal 9,2 al 13,7, Sarasota, in Florida, detiene il record della presenza di poveri tra le città statunitensi. Ed è un caso significativo, trattandosi di una elegante località turistica sul Golfo del Messico. Spiega l’Economist che anche altre aree metropolitane della fascia meridionale degli Stati Uniti hanno avuto un destino simile. La causa principale è nella crisi del settore immobiliare, che ha interrotto bruscamente i ritmi di crescita delle periferie e fatto crollare il valore delle case. A tutto questo si aggiunge la maggiore difficoltà di trovare lavoro nelle zone suburbane. Sempre a Sarasota il tasso di disoccupazione è passato dal 3,1 per cento del 2006 al 13,4 per cento del gennaio 2010.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.