Le foto del ritorno dei cosmonauti

Sono atterrati poche ore fa in Kazakistan dopo aver trascorso quasi cinque mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale

Oggi tre astronauti dei sei della missione spaziale “Expedition 25” sono tornati sulla Terra, dopo aver trascorso alcuni mesi sulla Stazione Spaziale Internazionale. L’equipaggio, formato da Doug Wheelock, Shannon Walker e Fyodor Yurchikhin, è salito sulla Soyuz TMA-19 alle 2:23 del mattino di oggi (ora italiana) ed è atterrato alle 5:46 in Kazakistan. Le Soyuz sono i veicoli realizzati dal programma per lo spazio dell’Unione Sovietica e successivamente sviluppati dall’agenzia spaziale russa. A differenza degli Shuttle americani, sono di dimensioni maggiormente contenute e dal 1986 sono state sviluppate per portare i membri degli equipaggi sulla stazione spaziale MIR. Una versione rivista viene utilizzata per il trasporto verso la Stazione Spaziale Internazionale.

Wheelock ha trascorso 178 giorni nello spazio nel corso delle sue missioni, quella sulla ISS e quella di 15 giorni sullo Shuttle con la missione STS-120. Wheelock è diventato celebre, anche qui sul Post, grazie alla sua serie di fotografie scattate dalla ISS e diffuse sul Web attraverso Twitter. Walker, invece, nello spazio ci è rimasta per 161 giorni e ha partecipato alle missioni “Expedition 24” ed “Expedition 25”. Yurchikhin ha all’attivo 371 giorni di permanenza nello spazio: 163 nel corso delle missioni “Expedition 24” ed “Expedition 25”, 197 giorni nella “Expedition 15” e undici giorni nella missione dello Shuttle STS-112.

Lassù, a 350 chilometri di distanza dalla Terra, i membri della missione hanno compiuto 41 diversi esperimenti suddivisi in 504 sessioni. Le ricerche hanno interessato lo studio di alcuni microbi e la loro interazione con le strumentazioni a bordo della stazione spaziale, la misura delle quantità di metano e anidride carbonica nell’atmosfera terrestre e la sopravvivenza degli organismi nelle condizioni estreme dello spazio, per capire quali margini di sopravvivenza abbiano le forme di vita elementari nel cosmo.

foto da NASA.gov

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.