• Mondo
  • martedì 26 Ottobre 2010

Il treno più veloce del mondo

Copre i 200 chilometri tra Shanghai e Hangzhou in 45 minuti e cambierà le abitudini di milioni di persone

Entro il 2012, la linea di 1.318 chilometri tra Pechino e Shanghai sarà percorsa in cinque ore dai treni ad alta velocità

In tempo per la fine dell’Expo di Shanghai, che si concluderà il prossimo 31 ottobre, la Cina ha inaugurato ufficialmente una nuova linea ferroviaria ad alta velocità da record che collega la città dell’esposizione internazionale con l’area urbana di Hangzhou a circa 200 chilometri di distanza. I treni copriranno il percorso tra le due città in meno di 45 minuti, circa la metà del tempo solitamente richiesto dai convogli tradizionali che viaggiano tra Shanghai e Hangzhou (per coprire i 148 chilometri tra Torino e Milano, i Frecciarossa italiani impiegano un’ora).

Le autorità cinesi mirano al record di velocità su una linea commerciale ferroviaria. Il treno CRH380 realizzato in Cina ha già stabilito un primato mondiale in fase di test raggiungendo i 420 chilometri orari, ma sulla linea da poco inaugurata viaggerà a una velocità massima pari a 350 chilometri orari. Il paese asiatico sta investendo molto sulle tecnologie ferroviarie per rendere più rapidi gli spostamenti tra i principali centri urbani cinesi. Le distanze da coprire sono in molti casi enormi, ma questa condizione non ha mai scoraggiato né le autorità, né i progettisti delle nuove linee.

Entro il 2012, Pechino mira a realizzare almeno 13mila chilometri di binari per l’alta velocità. Uno dei principali investimenti interessa la linea ferroviaria che dovrà mettere in collegamento Pechino con Shanghai, la capitale economica del paese. La tratta coprirà una distanza di 1.318 chilometri e per realizzarla saranno necessari complessivamente 32,5 miliardi di dollari. Il piano prevede di far viaggiare i primi convogli sulla nuova linea a partire dal 2012. Grazie ai treni ad alta velocità, la distanza tra le due città sarà coperta in appena cinque ore da stazione a stazione, spiega l’Associated Press.

Il portavoce del Ministro per le ferrovie, Wang Yongping, ha confermato che tutte le soluzioni tecnologiche, il design e l’equipaggiamento del CRH380 appartengono alla Cina, anche se ha poi ammesso che il programma di progettazione è iniziato in collaborazione con il Giappone e alcuni altri paesi. «Ora gli altri paesi vogliono collaborare con noi. Vogliono tutti la nostra tecnologia» ha poi confidato alla stampa.

Grazie ai tempi rapidi di costruzione delle nuove linee, il sistema dei trasporti in Cina sta cambiando molto rapidamente e così anche le abitudini di milioni di persone, che ora riescono a spostarsi più facilmente tra le grandi città. I nuovi treni ad alta velocità non piacciono però a tutti, specialmente a chi ha poche disponibilità economiche. Le nuove tratte sono più costose e su alcune linee non sono convenienti, specialmente per i piccoli spostamenti. Inaugurate di fretta per avviare i collegamenti il prima possibile, le stazioni sono spesso poco curate e non offrono ancora molti servizi ai passeggeri.