• Italia
  • domenica 19 febbraio 2017

Hanno provato a bruciare le palme di piazza Duomo, a Milano

Nella notte, non si sa ancora chi sia stato: tre hanno preso fuoco, ma le fiamme sono state spente senza troppi problemi

(ANSA / MATTEO BAZZI)

Nella notte tra sabato 18 e domenica 19 febbraio qualcuno ha dato fuoco alle palme di piazza Duomo, piantate a inizio settimana alle spalle del monumento equestre di Vittorio Emanuele II e da giorni al centro di una discussione piuttosto assurda tra quelli a cui piacciono e quelli che le stanno criticando per vari motivi. Le palme sono previste dal progetto di rinnovo degli spazi verdi vinto da Starbucks, la catena statunitense di caffè, cibo e bevande, su bando del Comune. Le palme bruciate sono tre – una in modo più rilevante delle altre – e il Corriere della Sera ha scritto che i vigili del fuoco sono intervenuti nella notte, pare perché chiamati da alcuni ragazzi che, uscendo da un cinema, hanno visto le fiamme.

PIerfrancesco Maran, assessore a Urbanistica, verde e agricoltura del comune di Milano – ha detto: «Stanotte qualcuno ha cercato di bruciare alcune palme, danneggiandone in particolare una. È un gesto vile e le forze dell’ordine sono al lavoro per individuare i responsabili. Gli imbecilli però perdono sempre, e l’effetto sarà che i milanesi ci si affezioneranno ancora di più alle piante. Nel frattempo il via vai continuo di turisti, curiosi che fotografano le palme non si interrompe”.

Delle palme in piazza Duomo (che c’erano già nell’Ottocento) si è parlato molto, in questi giorni: il progetto, realizzato dall’architetto italiano Marco Bay, prevede anche banani e un sottobosco di piante perenni dalla fioritura rosa e alternata nel corso dell’anno, e durerà per tre anni.  Molti politici del centrodestra, tra cui il segretario della Lega Nord Matteo Salvini, hanno criticato la scelta dicendo che è l’ennesima prova che Milano e la sinistra rinunciano ai valori tradizionali della città e dell’Italia per cedere alla cultura degli immigrati, finendo per piantare palme e banani come in Africa. Nel pomeriggio e nella sera di sabato lì vicino c’erano stati presidi e piccole manifestazioni della Lega Nord e di Casa Pound.

Mostra commenti ( )