(Fox Photos/Getty Images)

Un regalo di Natale al giorno: – 21

Un passamontagna, o balaclava se preferite, per chi vuole stare al caldo e al passo con le mode

(Fox Photos/Getty Images)

Da qualche anno, quando arriva dicembre, ci spremiamo le meningi per dare qualche idea a chi vuole (o deve, costretto dalle circostanze) fare i regali di Natale. Un regalo di Natale al giorno, ogni giorno per un mese, fino al 24 dicembre. Se questo non fa per voi, ci riproviamo domani. Se anche domani non farà per voi, ricordatevi che c’è sempre la mozione Flanagin.

Quello che in italiano viene comunemente definito passamontagna, in inglese si chiama “balaclava”. È un termine che deriva da una località della Crimea dove durante la guerra a metà del 1800 i soldati inglesi trovarono un modo per coprirsi il capo e proteggersi dal gelido inverno russo. È un termine più sofisticato di “passamontagna” e più usato nel mondo della moda (e anche in ambito motociclistico, in effetti), ma vuol dire esattamente la stessa cosa. Quindi, se recentemente avete sentito parlare del balaclava come del «capo d’abbigliamento più ambito dell’inverno», e addirittura «il più sexy», avete capito bene: si tratta del cappuccio di maglia o di pile che copre la testa e il collo e lascia scoperto solo il viso. Se siete Kim Kardashian al Met Gala, neanche quello.

Prima si usava soprattutto sotto il casco, per andare in bici o a sciare, ma ultimamente si vede sempre più spesso anche da solo e in contesti meno sportivi. Alcuni ipotizzano che c’entri anche l’abitudine ormai interiorizzata dai primi mesi di pandemia di andare in giro con il volto semicoperto dalla mascherina. Più in generale, può essere che abbia avuto un ruolo l’estetica “rilassata” e orientata alla comodità a cui ci hanno abituato i mesi di lockdown.

Il passamontagna è effettivamente una delle cose più calde che si possano indossare per proteggere dal freddo la testa, le orecchie, il collo e se necessario anche la bocca e il naso. Il fatto che ultimamente sia stato riproposto nell’alta moda e quindi da vari marchi di abbigliamento significa che la scelta per chi vuole comprarne uno è più ampia di qualche anno fa e che ce ne sono di abbastanza belli da poter essere impacchettati e regalati a Natale.

(Il passamontagna di Cos indossato)

Nell’alta moda alcuni dei modelli più citati sono quello di Stone Island, che costa 350 euro, quello di Jacquemus, che ne costa un centinaio, e quello di Miu Miu che ne costa 390. A prezzi più abbordabili c’è questo blu di cashmere sul sito di Cos che costa 69 euro, mentre sul sito di Rifò Lab questo di cashmere rigenerato color mosto (rosso-viola scuro) è in sconto a 39 euro. C’è un modello disponibile in bianco o rosa sul sito di &Other Stories, questo molto sottile di cashmere e lana sul sito di Arket e questo sempre di lana e cashmere ma molto più costoso sul sito di Rinascente. Essendo molto facili da fare a mano, c’è ampia scelta anche su Etsy: per esempio in Lettonia un’artigiana li fa a mano in lana merino con consegna entro il 22 dicembre. Gallo, il marchio delle popolari calze a righe, vende un balaclava a maglia larga in due colori, fucsia e blu acceso, e scrive che sono ideali «per ogni look casual o stravagante».

(Una foto della pagina Instagram dell’esperta di moda Leandra Medine Cohen)

Sei in cerca di altre idee per Natale? Puoi dare un occhio a tutti i suggerimenti quotidiani che abbiamo messo insieme finora oppure a una delle nostre liste:
– 2o idee per fare regali di Natale spendendo al massimo 20 euro
– 15 idee per fare regali di Natale spendendo tra i 20 e i 60 euro
– 20 idee per regali di Natale di prezzi vari
– 21 libri consigliati dalla redazione del Post per Natale
– 15 idee per regali di Natale sotto i 120 euro
– 15 idee per regali di Natale da fare a bambine o bambini
15 idee per regali di Natale per la generazione Z

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati nella sezione Consumismi il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se invece volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.