(AP Photo/Andre Penner)
  • Moda
  • venerdì 6 Novembre 2020

Che pantaloni compreremo adesso

A causa del coronavirus ci siamo infagottati in felpe e tute, ma ora le aziende stanno spingendo altro, per esempio i jeans con l'elastico in vita

(AP Photo/Andre Penner)

In un articolo pubblicato in settembre, l’autorevole sito di moda Business of Fashion (BoF) scriveva che «i pantaloni da tuta, i leggings per fare yoga e i top sportivi sono i prodotti vincenti della pandemia». Il cosiddetto activewear – cioè i vestiti sportivi e comodi insieme – sono stati i pochi a reggere la crisi che ha travolto il settore dell’abbigliamento a causa del coronavirus: non dovendo più uscire, ci si mette comodi e rilassati a casa e anche nelle videochiamate di lavoro le giacche e le camicie sono state abbandonate per felpe e maglioni.

Soltanto negli Stati Uniti, da marzo a luglio le vendite di vestiti erano diminuite del 34 per cento rispetto allo stesso periodo del 2019, mentre quelle di pantaloncini sportivi erano aumentate del 3 per cento, quelle dei pantaloni da tuta del 2 e quelle dei reggiseni sportivi del 7 per cento. Da marzo a giugno le vendite di activewear su Asos, uno delle maggiori piattaforme di moda, erano quasi raddoppiate rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente, contribuendo a un aumento del 10 per cento delle vendite online in quel periodo. Ora però, scrive BoF in un articolo appena uscito, «le aziende di moda sono in fibrillazione per spingere i loro clienti ad andare oltre».

– Leggi anche: Il futuro della moda è l’usato?

Le aziende sanno che la quantità di pantaloni da tuta che i loro clienti sono disposti a comprare è limitata e, anzi, è quasi esaurita. Hanno anche ben chiaro che provare a sostituirli con abiti formali, come giacche e completi, sarebbe una strategia perdente: il settore era già in declino da qualche anno e le cose sono peggiorate con la pandemia. Negli Stati Uniti, per esempio, da marzo a luglio i completi, i vestiti e le camicie eleganti erano calati nelle vendite del 50 per cento rispetto al 2019. In questi mesi le persone si sono abituate a stare comode e a un’estetica più informale e rilassata grazie allo smart working, che proseguirà anche nei prossimi mesi. Per questo le aziende stanno cercando di inventarsi qualcosa di nuovo da desiderare che mantenga le caratteristiche di comodità e rilassatezza. Le direzioni sono due: rendere più confortevoli abiti che di solito non lo sono, o dare un tocco più formale e un taglio più strutturato a felpe e pantaloni da tuta.

Nella prima categoria rientrano i jeans – messi da parte in questi mesi a causa del tessuto ruvido e della vestibilità rigida – con l’elastico in vita: da settembre a ottobre, sono diventati il 35 per cento dei nuovi modelli in totale, secondo la società di analisi Edited. I pantaloni con l’elastico e con la coulisse in vita (la chiusura con il cordoncino) si vedono già da qualche tempo anche fuori dalle case – per esempio Uniqlo li propone da anni sia per uomo che per donna – ma i jeans, fuori dal reparto premaman, sono quasi una novità.

– Leggi anche: Cosa sono le friulane, che vanno di moda

Un altro espediente è aggiungere al denim (il tessuto dei jeans) delle fibre elastiche, per renderlo più morbido. Per esempio, tra febbraio e giugno, Shein, una catena di fast fashion (abbigliamento economico e alla moda) popolare tra gli adolescenti, ha aumentato la selezione di jeans con tessuti elastici del 263 per cento. I marchi sostenibili stanno provando invece la canapa cotonizzata, cioè con una aggiunta di cotone per renderla più soffice (la canapa è più sostenibile perché la sua lavorazione richiede molta meno acqua e sostanze chimiche). I tessuti elasticizzati e l’elastico in vita sono particolarmente utili in questo momento perché sono più facili da comprare online, cosa che si fa sempre più spesso visto che i negozi in molte zone sono chiusi e non è possibile provare nei camerini. È più semplice orientarsi tra le taglie (che spesso vanno semplicemente dalla XS alla XL) e hanno una vestibilità flessibile che consente meno errori e meno resi, che sono solitamente gratuiti e quindi una grossa perdita per le aziende.

– Leggi anche: 12 giacche impermeabili e leggere

Secondo una ricerca di McKinsey & Company, ad agosto il 54 per cento degli intervistati dava molta importanza alla praticità e al comfort nell’acquisto di un vestito, il 32 per cento in più che ad aprile; al contrario la percentuale di chi considerava lo stile e l’essere alla moda di un capo era solo il 29 per cento. La comodità è un fattore ancora importante e probabilmente lo sarà nei prossimi mesi, anche se la relativa diminuzione delle restrizioni in alcuni paesi ha portato a un leggero cambiamento negli acquisti e nelle proposte delle aziende. Alcune hanno fatto delle collaborazioni con marchi di actiwear, altre hanno aggiunto dettagli o tessuti più ricercati a capi comodi oppure li hanno riproposti in versioni più strutturate o originali.

Per dare un’idea, da Cos si trovano eleganti pantaloni di lana con elastico in vita e alle caviglie oppure pantaloni da tuta in cashmere riciclato; & Other Stories vende felpe di lana con cappuccio e consiglia di portare i pantaloni da tuta con la giacca e i tacchi; Uniqlo ha i jeans con l’elastico in vita foderati di felpa e pantaloni con coulisse; Zara propone innumerevoli felpe dai tagli alla moda, ha una sezione athleisure con leggings, top e felpe arricciate in vita, pantaloni che ricordano le forme dello streetwear (il modo di vestirsi di skater e rapper) e una collezione chiamata New Comfort, con magliette unisex, body in lana e completi da tuta leopardati, felpati o elasticizzati.

– Leggi anche: Perché in autunno cadono le foglie

Non è comunque detto che l’actiwear alla moda sia la strada giusta perché è possibile che la pandemia duri ancora per tutto il 2021 e che quando si potrà riprendere la vita di prima, semmai succederà, il gusto nel vestire sarà completamente cambiato: per reazione gli abiti comodi e i tagli larghi potrebbero essere spazzati via da minigonne fascianti, giacche e tacchi alti. Per ora, però, funziona.

– Leggi anche: Storia delle gallette di riso e delle loro virtù immaginarie

***

Disclaimer: con alcuni dei siti linkati in quest’articolo il Post ha un’affiliazione e ottiene una piccola quota dei ricavi, senza variazioni dei prezzi. Ma potete anche cercare le stesse cose su Google. Se volete saperne di più di questi link, qui c’è una spiegazione lunga.