Britney Spears in una foto del 2018 (Chris Pizzello/ Invision/ AP, File)

La tutela di Britney Spears è stata revocata

Lo ha stabilito un tribunale di Los Angeles, mettendo fine a una situazione complessa e delicata

Britney Spears in una foto del 2018 (Chris Pizzello/ Invision/ AP, File)

La giudice di un tribunale di Los Angeles ha stabilito di revocare la “conservatorship” della cantante statunitense Britney Spears, ovvero lo strumento di tutela legale con cui per più di 13 anni il controllo del suo patrimonio e di molti aspetti della sua vita era stato affidato a dei tutori. La decisione mette fine a una vicenda complessa e molto raccontata dai media, in particolare per il rapporto controverso tra la cantante e il padre, James Spears, che per quasi tutto questo periodo si è occupato di controllare le finanze e la vita personale della figlia.

I festeggiamenti dopo la decisione (AP Photo/Chris Pizzello)

Nel 2008, quando Britney Spears ebbe una grave crisi nervosa, un tribunale assegnò al padre la conservatorship, uno strumento legale che solitamente si applica a persone anziane o disabili mentali e che impedisce loro di gestire il proprio patrimonio e molte proprie decisioni. Negli ultimi anni la cantante aveva chiesto diverse volte che il padre non fosse più il suo tutore, e lo scorso giugno aveva detto apertamente di avere subìto numerosi abusi sotto il suo controllo, sostenendo tra le altre cose di essere stata drogata e costretta a lavorare contro la sua volontà. A fine settembre il tribunale aveva stabilito che Spears non sarebbe più stato il tutore della figlia, ma non aveva revocato la tutela.

Venerdì la giudice, Brenda Penny, ha detto che la «conservatorship della persona e dei beni di Britney Spears non è più necessaria» ed è pertanto «da ritenersi terminata», aggiungendo che non sono necessarie ulteriori valutazioni psicologiche a carico della cantante, visto che si era sottoposta alla tutela in maniera volontaria. La giudice ha anche specificato che il commercialista che era stato nominato tutore in via temporanea a settembre, John Zabel, continuerà per un periodo a occuparsi delle finanze di Spears per trasferire tutti i suoi beni in un fondo privato già esistente.

– Leggi anche: La tutela di Britney Spears, dall’inizio