• Sport
  • martedì 7 maggio 2019

Il Barcellona a un passo dalla finale di Champions League

Stasera in Inghilterra deve difendere il 3-0 della semifinale di andata contro un Liverpool senza due terzi dell'attacco titolare

Lionel Messi nella partita di andata al Camp Nou (Matthias Hangst/Getty Images)

La semifinale di ritorno di UEFA Champions League tra Liverpool e Barcellona si gioca stasera alle 21 allo stadio Anfield Road di Liverpool. Fra le due semifinali del torneo più ambito del calcio europeo, questa era forse la più attesa, ma il risultato netto dell’andata, unito ai problemi che hanno privato il Liverpool di due giocatori fondamentali, avvicinano inevitabilmente il Barcellona a quella che sarebbe la nona finale di Champions League della sua storia. Il 3-0 di una settimana fa mette infatti il gli spagnoli nelle condizioni di avere tutti e tre i risultati a disposizione per passare il turno. Il Liverpool deve vincere almeno 3-0 soltanto per far proseguire la partita ai tempi supplementari, mentre il primo risultato che gli garantirebbe la qualificazione alla finale entro i novanta minuti sarebbe un 4-0. Se il Barcellona dovesse segnare un gol, la partita molto probabilmente si concluderebbe.

Il risultato dell’andata è stato severo per il Liverpool, che in Spagna non ha subito così tanto la superiorità degli avversari e anzi, ha saputo mettere a lungo sotto pressione il Barcellona. La partita è stata però condizionata da due grandi parate del portiere degli spagnoli, Marc-André ter Stegen, e soprattutto da due gol segnati da Lionel Messi negli ultimi quindici minuti: il primo a porta vuota dopo una traversa colpita da Luis Suarez, autore del primo gol, e il secondo con una stupenda punizione da fuori area, imprendibile per Alisson, il portiere brasiliano del Liverpool. In tanti si aspettavano di vedere nuovamente Messi al massimo della forma anche nella fase decisiva della Champions League, e così è stato: Messi ha condizionato da solo l’esito della semifinale.

Il Barcellona non gioca una finale di Champions League dal 2015, quando vinse a Berlino contro la Juventus. La passata edizione l’ha conclusa ai quarti di finale, battuta in rimonta dalla Roma nello storico 3-0 dello Stadio Olimpico. Quella memorabile rimonta subita sta mettendo in guardia gli spagnoli da possibili ribaltamenti in Inghilterra. In condizioni normali, con il Liverpool al meglio, difendere un 3-0 sarebbe potuto essere rischioso, soprattutto giocando in uno degli stadi più “caldi” al mondo. Ma il Liverpool di Jurgen Klopp si presenta alla partita di stasera senza due dei suoi giocatori più incisivi.

Salah in barella dopo essersi scontrato con il portiere del Newcastle (Shaun Botterill/Getty Images)

L’egiziano Mohamed Salah e il brasiliano Roberto Firmino, esterno e prima punta titolari, autori complessivamente di 34 gol stagionali, non ci saranno. Salah è uscito dal campo in barella nell’ultima partita di Premier League, vinta nei minuti finali a Newcastle. Firmino invece ha dei problemi muscolari che gli hanno impedito di giocare l’ultima di campionato. Al loro posto ci saranno lo svizzero Xherdan Shaqiri e il belga Divock Origi: due opzioni valide che però non garantiscono lo stesso altissimo rendimento dei due titolari. Nonostante le assenze, in conferenza stampa Klopp è sembrato come al solito motivato, dicendo di voler provare in tutti i modi a vincere la partita senza subire gol.

Il Barcellona di Ernesto Valverde, invece, si presenta in Inghilterra con la stessa formazione dell’andata. L’unico indisponibile dell’intera rosa è l’esterno francese Ousmane Dembélé. La vincente di stasera sarà la prima finalista del torneo: il primo giugno, allo stadio Metropolitano di Madrid, affronterà la vincente di Ajax-Tottenham, in programma domani sera ad Amsterdam.

Le formazioni di Liverpool-Barcellona

Liverpool (4-3-3) Alisson; Alexander-Arnold, Matip, van Dijk, Robertson; Henderson, Fabinho, Milner; Shaqiri, Mané, Origi
Barcellona (4-3-3) ter Stegen; Sergi Roberto, Piquè, Lenglet, Alba; Rakitic, Busquets, Vidal; Messi, Suarez, Coutinho

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.