(Michael Ip/picture-alliance/dpa/AP Images)
  • Moda
  • martedì 19 febbraio 2019

La moda delle caviglie scoperte d’inverno

Ve ne sarete accorti girando per strada e se ne sono accorti anche i venditori di "fantasmini", che fanno grandi affari

(Michael Ip/picture-alliance/dpa/AP Images)

La moda, si sa, non sempre va di pari passo con l’utilità. Capi d’abbigliamento molto belli possono essere particolarmente scomodi da indossare, e in alcuni casi possono anche andare contro il buon senso. È quello che succede, per esempio, con la moda di indossare i pantaloni o i jeans lasciando scoperte le caviglie. Che siano arrotolati alle estremità con dei “risvoltini” o che siano tagliati non importa: la cosa che conta è che la caviglia sia nuda, senza calze in vista, anche d’inverno. Ne ha scritto in questi giorni il Wall Street Journal.

Indossare le scarpe senza calze – o con i calzini cortissimi al punto da essere invisibili – è stata per molto tempo un’abitudine riservata ai mesi primaverili ed estivi, ma la tendenza adesso è lasciare le caviglie scoperte anche col freddo. Non indossare le calze, infatti, permette di mettere meglio in mostra le sneakers che si indossano (bianche, preferibilmente, sia per le donne che per gli uomini) o una cavigliera, e dare più slancio alla propria figura. E ora che i pantaloni corti vanno di moda anche d’inverno, portare le calze a molti sembra strano: ”È come indossare i sandali con le calze”, ha detto una ragazza al Wall Street Journal.

Generalmente chi lo fa compensa coprendosi il resto del corpo con indumenti molto caldi, o con grosse sciarpe che coprono tutto il busto. Ma chi va in giro a caviglie scoperte pensa che patire un po’ di freddo all’altezza delle caviglie sia un sacrificio sopportabile. Kristen Galvin, che lavora come interior designer a Chicago, ha raccontato che raramente fa eccezioni alla propria scelta di non indossare calze, e che durante l’ondata di freddo che ha colpito Chicago, il cosiddetto “Polar Vortex”, ha trovato un solo modo per evitare il dilemma se mettersi o no delle calze: «Sono rimasta in casa per tre giorni», ha detto.

Chi sostiene invece che le caviglie scoperte d’inverno siano un controsenso, si rifà alle tradizionali raccomandazioni materne secondo cui d’inverno bisogna coprirsi bene tutto il corpo per non ammalarsi. In realtà il freddo non ha niente a che fare con infezioni, influenze, raffreddori e virus vari, quindi da questo punto di vista hanno ragione i seguaci della moda. Ma qualche problema di salute potrebbe comunque esserci: nel 2017 un’organizzazione di podologi britannici ha detto che tra i giovani si sta riscontrando un aumento sempre maggiore delle infezioni fungine, causate proprio dall’abitudine di non indossare calze. I piedi, infatti, producono in media circa 0,30 litri di sudore al giorno e, secondo la dottoressa Emma Stephenson, il sudore all’interno delle scarpe, senza essere assorbito dalle calze, può creare il terreno perfetto per la proliferazione di funghi e batteri.

Chi ci tiene alla salute dei propri piedi può ovviamente rimediare indossando delle calze molto corte, i cosiddetti “fantasmini”, che facciano credere di essere a piedi nudi anche se non è vero. La start-up Bombas ha raccontato al Wall Street Journal che nel 2018 ha triplicato le vendite di fantasmini, ma persino uno dei suoi fondatori, Randy Goldberg, è scettico su questa moda e ammette di preferire portare calze in calda lana merino in inverno: «Non voglio vedere le caviglie degli altri in inverno, né voglio che gli altri vedano le mie».

È dello stesso avviso Dan Rookwood, attualmente è senior director dei contenuti editoriali di Nike, che nel 2017 aveva scritto della questione delle caviglie scoperte su Mr. Porter, un rivenditore online di abbigliamento maschile che ha anche una sezione dove dispensa consigli di moda. Rispondendo a un lettore che chiedeva se fosse accettabile andare con le caviglie scoperte anche d’inverno ha detto che c’è solo una regola da seguire: «Se fa abbastanza freddo da dover mettere un cappotto, allora dovresti indossare anche le calze. E se fa così freddo da dover mettere anche sciarpa, cappello e guanti, allora sembreresti solo un po’ scemo ad andare in giro con le caviglie scoperte».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.