Il Parlamento Europeo contro l’Ungheria

È passata la mozione per l'avvio della "opzione nucleare", che potrebbe toglierle il diritto di voto in Europa: ma per ora si tratta soprattutto di un voto simbolico

(FREDERICK FLORIN/AFP/Getty Images)

Il Parlamento Europeo riunito a Strasburgo, in Francia, ha approvato la mozione (PDF) che chiedeva l’avvio delle procedure per l’applicazione dell’articolo 7 del Trattato di Lisbona all’Ungheria: l’articolo 7 contiene la misura che sanziona i paesi membri ritenuti in contrasto con i valori fondanti dell’Unione Europea. Negli ultimi anni, l’Ungheria e i suoi governi sono stati spesso accusati di avere indebolito le proprie istituzioni democratiche e lo stato di diritto, oltre che di avere favorito la discriminazione verso le minoranze etniche.

Negli ambienti delle istituzioni europee ci si riferisce all’applicazione dell’articolo 7 con l’espressione “opzione nucleare”, per la sua rarità e per la gravità delle sanzioni implicate. È la prima volta che viene adottato dal Parlamento Europeo, e dopo diversi passaggi potrebbe portare alla rimozione del diritto di voto dell’Ungheria in sede europea. Tutti concordano però che il voto avrà per il momento un significato soprattutto simbolico: la rimozione del diritto di voto scatta solo al termine di un procedimento complesso, per cui serve il voto favorevole degli altri 27 stati. La Polonia per esempio – contro cui la Commissione ha avviato l’anno scorso un procedimento dell’articolo 7 – ha già lasciato intendere che proteggerà l’Ungheria.

La mozione ha ricevuto 448 voti favorevoli e 197 contrari, con 48 astensioni. Perché la mozione passasse era necessaria la partecipazione al voto della maggioranza assoluta dei 751 parlamentari (almeno 376 voti), e il parere favorevole dei due terzi dei votanti. Fra i principali partiti italiani, hanno votato a favore della “opzione nucleare” il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. La Lega e Forza Italia avevano annunciato ieri il loro voto contrario.

Negli ultimi anni il controverso primo ministro ungherese Viktor Orbán, rieletto lo scorso aprile, ha approvato norme che limitano la libertà di stampaha avuto posizioni molto discriminatorie verso i musulmani e ha portato avanti una dura campagna contro i migranti, introducendo nelle ultime settimane delle leggi che criminalizzano l’immigrazione clandestina e prevedono il carcere per le persone o le organizzazioni che in qualche modo la favoriscono.

Un’eurodeputata dei Verdi olandesi, Judith Sargentini, era stata incaricata dal Parlamento di esaminare la situazione nel paese, e ha pubblicato un lungo e dettagliato rapporto (PDF) in cui sostiene che il governo ungherese stia violando le regole democratiche e lo stato di diritto. Il Parlamento Europeo ha discusso il rapporto Sargentini martedì 11 settembre, durante un dibattito in aula a cui ha partecipato lo stesso Orbán. Il primo ministro ungherese ha respinto tutte le accuse, ha accusato l’UE di aver inscenato un processo «di ispirazione comunista» e di avere criminalizzato l’Ungheria per non avere accolto nessun richiedente asilo negli ultimi anni.

Dal punto di vista tecnico, il voto di oggi avvia le procedure per l’articolo 7 ma non chiede esplicitamente le sanzioni. Prima di arrivare alla richiesta vera e propria ci vogliono diversi altri passaggi, ma quasi certamente non si andrà così lontano: la proposta ora passerà al Consiglio dell’Unione Europea e per procedere dovrà essere approvata da almeno 23 degli stati. Nessuno pensa che esista una maggioranza del genere.

Mostra commenti ( )