(Da "Spider-Man - Homecoming")

Stasera cinema?

C'è "Spider-man - Homecoming", oppure il nuovo film con l'Uomo Ragno, o anche quello con quel supereroe con la tutina rossa e blu che spara ragnatele

(Da "Spider-Man - Homecoming")

Abbiamo una buona e una cattiva notizia. Quella buona è per quelli che non si perdono neanche un film della Marvel ed erano rimasti delusi dagli ultimi due Spider-Man non-della-Marvel, usciti nel 2012 e nel 2014: è uscito Spider-man – Homecoming della Marvel, e sta piacendo molto. La cattiva notizia è per tutti gli altri: se volete andare al cinema stasera e non ne volete sapere di ragnatele, la questione è un po’ più complicata.

Spider-man – Homecoming

Solo in Italia, nel suo primo giorno nei cinema, sono andati a vederlo circa 100mila persone. È senza dubbio il film della settimana, probabilmente quello del mese e – dal punto di vista degli incassi, italiani e mondiali – potrebbe essere uno dei film dell’anno. È il sedicesimo film dell’Universo cinematografico Marvel ed è il secondo reboot di Spider-Man nel giro di pochi anni. Tradotto in italiano vuol dire che è il sesto film su Spider-Man degli ultimi 15 anni. Nei primi tre c’era Tobey McGuire; nel quarto e nel quinto (due reboot, cioè due film che raccontano una storia diversa e scollegata da quella dei film precedenti) c’era Andrew Garfield. In questo il protagonista è Tom Holland, il cattivo è Michael Keaton e ad aiutare Spider-Man c’è Robert Downey Jr., cioè Iron Man, cioè un Avenger, cioè un personaggio dei film Marvel.

Succede perché, per farla breve, la Sony (che ha i diritti sull’uso del personaggio di Spider-Man) ha fatto un accordo con la Marvel: la Sony ci mette i soldi e si prende i guadagni; la Marvel può usare Spider-Man nei suoi film (Holland ha già recitato in Captain America: Civil War) e fare soldi in altri modi. Se volete approfondire un po’ di più, è spiegato tutto qui. Visto che la storia ormai la sanno tutti, il film salta tutto il pezzo sul ragno che dà i poteri a Spider-Man e ne racconta subito la storia: quella di un ragazzo delle superiori che prova a capire, anche grazie a Tony Stark, quali siano i suoi poteri, e come possa usarli.

Le cose che stanno piacendo del film sono: Holland, più giovane e simpatico dei precedenti Spider-Man; il rapporto (l’alchimia, ha scritto qualcuno) tra lui e Stark; le tante battute e scene divertenti, ormai tipiche dei film Marvel; il fatto che, per una volta, l’obiettivo finale sia qualcosa di un po’ più piccolo di salvare il mondo o l’Universo; il brio e la vivacità dei dialoghi e delle scene d’azione; il cattivo interpretato da Keaton, che tra l’altro sembra prendersi un po’ in giro dopo che è stato sia Batman che Birdman (nella finzione del film di Alejandro Iñárritu). Riassunto degli apprezzamenti: è un film senza troppe pretese, divertente, vivace, ben fatto. La minoranza che lo critica lo ritiene invece un po’ troppo giovanile, troppo pieno di adolescenti e troppo per adolescenti. I primi minuti del film sono questi, che magari possono aiutarvi a decidere.

Fausto & Furio – Nun potemo perde

È estate e Spider-Man – Homecoming è quel tipo di film che si prende la grande maggioranza degli spettatori. Non ci sono quindi molte alternative tra le nuove uscite di questa settimana. Uno è questo film: con Enzo Salvi e Maurizio Battista, promosso come remake italiano di Fast & Furious. Fausto e Furio sono due romani che ereditano un’officina dai genitori meccanici e, con l’aiuto di un amico che se ne intende, ci si dedicano. Ma devono fare i conti con un boss della mafia che chiederà di ridargli dei soldi che aveva prestato ai loro genitori.

Oppure

Nell’attesa che la prossima settimana arrivi The War–Il pianeta delle scimmie – il terzo capitolo del reboot del famoso film di fantascienza del 1968 – e sempre per via della schiacciante superiorità di Spider-Man – Homecoming, questa settimana non è uscito quasi nulla di rilevante. Ma se proprio avete deciso che andrete al cinema e se di uomini ragno non ne volete più sentir parlare per almeno altri 15 anni (non succederà, perché è già in programma il sequel di Spider-Man – Homecoming), nei cinema si fa ancora in tempo a trovare:

Bedevil – Non installarla: film horror su un’app assassina.

– 2:22 – Il destino è già scritto: parla di un controllore di volo che se la cava benissimo finché si accorge di una serie di cose strane che gli succedono e che finiscono tutte alle 2 e 22.

– Transformers – L’ultimo cavaliere: di cui dovete però sapere che Peter Travers di Rolling Stone ha scritto: «Ogni volta che Michael Bay dirige un nuovo Transformers, il cinema muore un po’. Gli altri blockbuster di quest’estate sembrano, al confronto, dei capolavori».

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.