(Chris McGrath/Getty Images)
  • Mondo
  • mercoledì 24 maggio 2017

Almeno 31 morti in un naufragio in Libia

Al largo di Zuara, uno dei principali porti da cui partono le imbarcazioni dei migranti: fra i morti ci sono soprattutto bambini

(Chris McGrath/Getty Images)

Almeno 31 persone sono morte a circa 55 chilometri dalle coste libiche a causa del naufragio di un barcone di migranti. ll naufragio è avvenuto nei pressi della città di Zuara, in Libia, uno dei principali porti da cui partono le imbarcazioni dei migranti. Ai soccorsi hanno partecipato mezzi della Guardia Costiera italiana, della ONG MOAS e alcune imbarcazioni commerciali. Secondo ANSA a bordo della nave c’erano circa 500 persone, circa 200 delle quali sono finite in acqua quando il barcone si è piegato di lato. Da stamattina l’attivista e fondatore di MOAS Christopher Catrambone sta documentando su Twitter le operazioni di soccorso: in uno dei tweet più recenti ha scritto che fra i morti ci sono soprattutto bambini.

Le foto sono state scattate dal fotografo di Getty Images Chris McGrath, che da giorni segue le operazioni di soccorso a bordo della nave Phoenix della ONG MOAS.

Attenzione, alcune immagini sono forti.

Dall’inizio del 2017 a oggi sono arrivati in Italia più di 50mila migranti. Nello stesso periodo di tempo in tutto nel Mediterraneo sono morte più di 1.500 persone.

chart

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.