• Mondo
  • martedì 23 maggio 2017

Gli attentati terroristici in Europa dal 2015 a oggi

Sono cambiate delle cose, dalla strage nella redazione di Charlie Hebdo all'attacco al concerto di Ariana Grande

L’attentato di Manchester è il tredicesimo attacco terroristico compiuto in Europa dall’8 gennaio 2015, quando due uomini entrarono nella redazione parigina del settimanale satirico Charlie Hebdo e uccisero 12 persone. Nei mesi successivi ci furono altri due piccoli attentati, uno a Copenaghen e uno a Villejuif, in Francia, ma nessuno si aspettava quello che sarebbe successo poco dopo, di nuovo a Parigi. Nel novembre 2015 alcuni uomini addestrati dallo Stato Islamico spararono sulla folla in diversi locali del centro città, si fecero esplodere allo Stade de France e presero degli ostaggi al teatro Bataclan. Morirono 130 persone e fu il peggior attacco terroristico della storia della Francia.

La mappa si ingrandisce e cliccando sui pallini si vedono luogo, data e numero di morti di ciascun attentato

L’attentato di Parigi fu seguito dalle bombe di Bruxelles, all’aeroporto e a una stazione della metropolitana. Poi gli attentati, la maggior parte dei quali rivendicati dallo Stato Islamico, cominciarono a cambiare progressivamente forma. La strage sul lungomare di Nizza nel giorno dell’anniversario della presa della Bastiglia fu il primo nel quale fu usata un’arma non sofisticata – un camion – per uccidere decine di persone (i morti furono 84). Un sistema simile fu usato anche a Berlino, quando un’auto investì la folla a dei mercatini di Natale in centro città. In generale, dal gennaio 2015 a oggi, cinque attentati terroristici compiuti in Europa hanno coinvolto uomini armati, in quattro sono stati usati dei veicoli come arma, mentre in tre sono stati impiegati degli esplosivi.

Il grafico si ingrandisce con un clic
linea-attentati-def

Finora l’uso degli esplosivi è stato un elemento che ha caratterizzato gli attentati pianificati e diretti dai vertici dello Stato Islamico. Le indagini hanno dimostrato che sia le bombe di Parigi che quelle di Bruxelles erano state costruite usando quello che è stato definito “il marchio di fabbrica” dello Stato Islamico: il triperossido di triacetone, noto anche con la sigla TATP, una polverina bianca potente quasi come il tritolo ma più difficile da individuare dai controlli di sicurezza e più “facile” da realizzare, dato che i suoi ingredienti base si trovano in prodotti comuni come disinfettanti, acetone per le unghie e decolorante per capelli. Non si sa ancora molto sull’attentato di Manchester, ma dalle informazioni disponibili non sembra improbabile un coinvolgimento di esponenti dello Stato Islamico anche nella pianificazione dell’attacco.

Mostra commenti ( )