• mini
  • martedì 4 aprile 2017

Le foto del bombardamento chimico nella provincia di Idlib, in Siria

Solo quelle verificate dalle grandi agenzie di stampa, tra cui Getty Images e Associated Press: attenzione, sono molto forti e impressionanti

Le foto pubblicate qui sotto si riferiscono al bombardamento chimico compiuto questa mattina presto nella città siriana di Khan Sheikhun, nella provincia nord-occidentale di Idlib. Nell’attacco, probabilmente compiuto dal regime siriano di Bashar al Assad o dalla Russia, sono rimaste uccise almeno 74 persone, la maggior parte delle quali non combattenti. Le foto state perlopiù diffuse da organi di informazione e propaganda vicini ai ribelli, poi però verificate e ripubblicate dalle grandi agenzie fotografiche, tra cui Getty Images e Associated Press. Attenzione: sono molto forti e impressionanti.

Le immagini che abbiamo scelto di pubblicare non solo raccontano una parte della storia, ma in un certo senso sono la storia. A Idlib infatti, così come in molte altre zone della Siria, non ci sono giornalisti indipendenti che lavorano per grandi testate internazionali: le informazioni che riceviamo da lì si basano soprattutto sulle testimonianze di persone del posto o sui contenuti multimediali ripresi e ripubblicati dagli organi di propaganda del governo siriano o vicini ai ribelli. Per questo le immagini pubblicate dalle agenzie fotografiche sono così importanti: raccontano una storia che altrimenti si sarebbe persa tra la propaganda dell’una o dell’altra parte, ed è una storia importante. Il governo siriano aveva accettato di smantellare il suo arsenale di armi chimiche dopo l’attacco chimico ad alcuni quartieri di Damasco nell’agosto 2013, ma non ha rispettato gli impegni presi. L’attacco chimico di oggi è uno dei più gravi mai compiuti durante la guerra in Siria, iniziata sei anni fa.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.