• mini
  • sabato 27 ottobre 2018

L’ora solare tornerà stanotte

Stanotte gli orologi torneranno un'ora indietro: dormiremo un'ora in più ma nei prossimi mesi farà buio prima

(Jack Taylor/Getty Images)

La cosiddetta ora solare tornerà stanotte, cioè nelle prime ore di domenica 28 ottobre. Il cambio dall’ora legale a quella solare avverrà precisamente alle tre di mattina: in quel momento l’orologio dovrà tornare alle due. Questo significa che dalla prossima settimana il sole tramonterà un’ora prima, ma ci sarà più luce la mattina. Dovremo ricordarci di spostare gli orologi con le lancette indietro di un’ora, mentre gli smartphone di norma si sistemano autonomamente al momento del cambio.

Lo scorso agosto il tema dell’ora legale è stato molto discusso a causa di una consultazione ufficiale della Commissione europea sul tema, conclusa con la vittoria di chi – soprattutto paesi nordici – chiede che l’ora legale venga abolita. Nelle prossime settimane la Commissione Europea dovrebbe formulare una proposta più precisa per abolirla. Se ancora non avete chiaro cosa potrebbe succedere, cliccate qui sotto:

La questione dell’ora legale, spiegata

Il passaggio dall’ora legale a quella solare non avviene solo in Italia: la maggior parte dei paesi occidentali fa la stessa cosa, mentre in Russia, Argentina, India e in parte dell’Australia l’ora legale non viene usata. L’ora solare sarebbe quella “naturale”, a differenza dell’ora legale che è stata introdotta in Italia nel 1916, con il decreto legislativo 631: poi fu abolita e ripristinata diverse volte e adottata definitivamente con una legge del 1965, applicata a partire dall’anno seguente. Questo significa che il vero cambio dell’ora avviene a marzo, quando tornerà l’ora legale, mentre domenica prossima torniamo, per così dire, all’ora “naturale” (solare, appunto).

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.