(Jack Hill - WPA Pool /Getty Images)
  • Cultura
  • giovedì 16 febbraio 2017

A Theresa May non piacciono i LEGO, ma proprio zero

La prima ministra britannica aveva una buona occasione per farsi fare qualche bella foto, ma ci ricorderemo solo di queste

(Jack Hill - WPA Pool /Getty Images)

Il campionato politici-in-visita-a-scuola è ricco di storie e aneddoti. Farsi fare una foto con i bambini è sempre una bella occasione per mostrarsi a contatto-con-la-gente, senza il rischio di una domanda storta o un picchetto di gente arrabbiata (non davanti a una scuola, dai! Nessuno pensa ai bambini?). A qualcuno questa cosa viene particolarmente bene (cosa non veniva bene a Obama, d’altronde?), a qualcuno un po’ meno (questa foto di Renzi fa un po’ effetto Corea del Nord e David Cameron aveva avuto un effetto soporifero). Qualcun altro, come la prima ministra britannica Theresa May, avrebbe fatto meglio a incontrare un picchetto di manifestanti arrabbiati. Queste foto sono state scattate alla scuola Captain Shaw di Bootle, dove May si trovava per sostenere Trudy Harrison, candidata del Partito Conservatore nel collegio di Copland alle elezioni suppletive che si terranno la settimana prossima. Non si può, NON SI PUÒ, fare quella faccia davanti a un tenero robottino di LEGO.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.