• Moda
  • martedì 6 dicembre 2016

La sfilata di Chanel al Ritz di Parigi

Dove per un certo periodo abitò anche Coco Chanel: hanno sfilato Cara Delevingne, Lily-Rose Depp e Pharrell Williams, tra gli altri

(Pascal Le Segretain/Getty Images)

Oggi 6 dicembre Chanel ha presentato al Ritz di Parigi la 13esima collezione Métiers d’art, una collezione annuale itinerante (ogni anno il luogo dell’evento cambia) dedicata ai laboratori artigianali che fanno parte di Paraffection, l’azienda sussidiaria aperta da Chanel nel 1997 per promuovere e preservare il lavoro degli artigiani francesi a cui si affida per le sue creazioni (come Lemarié per piume e fiori, Massaro per le scarpe, Desrues per bottoni e gioielli). L’evento si è tenuto all’Hotel Ritz di Parigi, uno dei più famosi alberghi del mondo, che ha riaperto lo scorso 6 giugno dopo lavori di ristrutturazione che duravano dal 2012. Il Ritz si trova al numero 15 di Place Vendôme, la piazza dove ha sede anche il ministero della Giustizia francese, e negli anni ha ospitato molti personaggi famosi, tra cui la stilista Coco Chanel che ci abitò dal 1931 a quando morì, nel 1971: si racconta che la forma ottagonale della sua suite ispirò la bottiglia del profumo Chanel nº 5.

Gli eventi di Chanel sono famosi per i loro allestimenti scenografici e originali (l’ultimo era tra finti server, mentre la collezione Métiers d’art dell’anno scorso era stata presentata negli studi di Cinecittà in un ambiente molto parigino, con caffè e modelle che uscivano dalle scale di una metropolitana). Oggi le modelle passeggiavano (e a tratti ballavano) tra i tavoli rotondi degli ospiti, un po’ come accadeva nelle sfilate degli atelier nei primi anni del Novecento: c’erano Cara Delevingne (che l’anno scorso aveva preso una pausa dal lavoro di modella, ma che è molto legata allo stilista Karl Lagerfeld ed è considerata una delle sue “muse”), la modella-attrice Lily Rose Depp (che sfilava per la prima volta per Chanel) e il cantante Pharrell Williams.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.