Donald Trump (Scott Olson/Getty Images)

Ora Trump sembra nei guai

Il suo distacco nei sondaggi aumenta, la maggior parte degli elettori lo detesta: le elezioni di novembre rischiano di diventare un "referendum" su di lui

di Dan Balz – The Washington Post
Donald Trump (Scott Olson/Getty Images)

La fossa che Donald Trump si è scavato sta diventando sempre più profonda, e la sua posizione continua a peggiorare su praticamente qualsiasi fronte: a meno che non decida di invertire la rotta, per i Repubblicani la settimana di luglio in cui si terrà la convention di Cleveland sarà molto dolorosa, e a novembre la situazione potrebbe essere ancora peggiore. Anche se i sondaggi nazionali da soli offrono un quadro parziale dello stato attuale della campagna presidenziale, i cambiamenti delle ultime settimane dovrebbero rendere i Repubblicani decisamente nervosi. Quella che a fine maggio sembrava una corsa combattuta tra Trump e Hillary Clinton, il candidato designato del Partito Democratico, si è trasformata in situazione di svantaggio per Trump che non si può ignorare.

Stando alla media dei sondaggi calcolata da Real Clear Politics (RCP), oggi Clinton ha un vantaggio di quasi sei punti percentuali su Trump: un cambiamento netto rispetto solo a un mese fa. Il fatto poi che secondo tutti i sondaggi condotti a giugno e presi in considerazione da RCP Clinton sia avanti è forse ancora più indicativo, dal momento che a maggio diversi sondaggi davano Trump in leggero vantaggio. Considerando le ultime due settimane terribili di Trump, non sorprende nemmeno che il vantaggio di Clinton sia in crescita. Gli ultimi quattro sondaggi presi in esame da RCP, condotti la settimana scorsa, danno Clinton avanti rispettivamente di 12, 9, 5 e 6 punti percentuali: secondo altri quattro sondaggi svolti in precedenza, sempre a giugno, Clinton era avanti di 3, 4, 8 e 3 punti. In nessuno di questi sondaggi Clinton si avvicina al 50 per cento, e salvo un caso è sempre sotto il 45 per cento: niente di straordinario, insomma. Trump però non ha raggiunto il 40 per cento in nessuno degli ultimi sette sondaggi presi in considerazione per la media di RCP. Complessivamente la media degli ultimi sondaggi dà Clinton al 44 per cento e Trump al 38.

Nuovi e migliori sondaggi condotti in stati decisivi per le elezioni di novembre aiuteranno a chiarire quanto siano gravi i problemi di Trump. Dal punto di vista della mappa elettorale, la domanda è: in quali degli stati persi nel 2012 da Mitt Romney – il candidato Repubblicano alle ultime elezioni presidenziali americane, sconfitto da Obama – Trump può vincere? E poi: ci sono degli stati in cui Romney vinse nel 2012 che oggi potrebbero passare a Clinton? Vale la pena sottolineare come nei sondaggi attuali una percentuale significativa degli americani si dica ancora indecisa, o perlomeno non dichiari le proprie intenzioni. I motivi sono spiegati da un sondaggio condotto da Washington Post e ABC pubblicato la settimana scorsa, che ha misurato solamente il tasso di gradimento dei due candidati, dimostrando ulteriormente come gli americani vedano davanti a loro una scelta infelice. Secondo il sondaggio il tasso di gradimento di Clinton era solo del 43 per cento mentre il 55 degli interpellati ha detto di avere su di lei un’opinione negativa. Per Trump, invece, il tasso di gradimento è stato solo del 29 per cento, mentre il 70 per cento degli interpellati ha espresso un’opinione sfavorevole. La maggior parte degli adulti, il 56 per cento, ha detto di avere un’opinione fortemente negativa su Trump, tra cui il 20 per cento dei Repubblicani.

Dividendo l’elettorato in diversi gruppi, i problemi in cui Trump si è andato a cacciare emergono ancora più chiaramente. Durante le primarie, la base elettorale di Trump era composta da bianchi della classe operaia. Oggi, però, è diventato sempre più evidente come la sua vera base elettorale sia formata solo da uomini bianchi: Trump va forte con gli uomini bianchi che non hanno una laurea, ma non con le donne bianche non laureate. Anche se i problemi di immagine di Clinton con gli elettori bianchi, specialmente con gli uomini, forse sono stati trascurati – il suo tasso di gradimento tra gli uomini bianchi è solo del 23 per cento, mentre il 75 per cento ha su di lei un’opinione negativa – Clinton ha dalla sua dei numeri nettamente positivi tra gli elettori non bianchi, che in due casi su tre danno di lei un parere positivo.

I Repubblicani sono agitati in vista delle elezioni di novembre. Trump è frustrato dal fatto che non tutti i leader del Partito Repubblicano si siano uniti a sostegno della sua candidatura, ma se non cambierà potrebbe rimanere isolato. La paura che Clinton diventi presidente è l’unica cosa che spinge molti Repubblicani a sostenere Trump, che altrimenti prendono le distanze dalle sue ultime uscite. Lo speaker della Camera, il deputato Repubblicano Paul Ryan – che ha dato il suo sostegno a Trump senza abbracciare davvero la sua candidatura – ora dice che deputati e senatori del Partito Repubblicano devono decidere secondo coscienza, il che equivale a un via libera alla dispersione. La famiglia Bush rimane defilata. Il governatore dell’Ohio John Kasich, sconfitto da Trump nelle primarie Repubblicane, dice di non essere pronto a sostenere Trump e che la sua potrebbe essere una posizione definitiva, nonostante sia il governatore dello stato che ospiterà la convention Repubblicana di Cleveland. Di recente il governatore del Maryland, il Repubblicano Larry Hogan, ha detto che non lo sosterrà.

Persino alcuni dei sostenitori di Trump si sono stancati di difenderlo. Altri, che hanno iniziato a diffidare di lui dopo gli attacchi razzisti al giudice federale che segue la causa contro la Trump University, hanno trovato poche ragioni per convincersi che Trump sarà all’altezza del livello che vorrebbero vedere nel candidato designato del Partito Repubblicano: a dir la verità, dopo i suoi attacchi ai musulmani in seguito alla strage di Orlando, Trump sembra esserne più lontano che mai. Il Partito Repubblicano rischia di perdere la maggioranza in Senato, e i suoi dirigenti sperano di riuscire a isolare dall’effetto Trump i loro senatori in carica più vulnerabili. Ma non sarà facile: i senatori interessati avrebbero la libertà di fare una campagna indipendente solo rompendo apertamente con Trump. Anche il più tiepido degli endorsement li porterebbe a dover rispondere di tutto quello che Trump potrebbe dire o fare nei prossimi quattro mesi abbondanti.

Al di là degli evidenti punti deboli della sua candidatura, oggi la macchina per la campagna elettorale di Clinton è molto più preparata di quella Trump. Trump sembra intenzionato a delegare molti dei meccanismi della campagna al Partito Repubblicano. I finanziamenti necessari per la copertura di queste operazioni, però, hanno tardato ad arrivare, e in autunno le sezioni statali del partito potrebbero rimanere a corto di soldi. Il presidente del Partito Repubblicano, Reince Priebus, sta esortando i Repubblicani contrari a Trump a sostenerlo, nonostante i suoi tentativi di convincerlo a cambiare atteggiamento abbiano avuto poco successo. A un certo punto Priebus potrebbe però essere spinto a prendere le distanze da Trump per “salvare” i candidati Repubblicani alle altre elezioni che si terranno in contemporanea alle presidenziali: come successo nel 1996, quando il Partito Repubblicano scaricò il candidato alle presidenziali Bob Dole per riuscire a preservare la maggioranza del partito alla Camera e al Senato.

Tutto questo in attesa delle due convention di luglio. Trump avrà l’occasione di mettere in piedi una convention positiva, da cui i leader del partito sperano di uscire più uniti di quanto siano oggi e con un candidato che sembri più presidenziale. Trump, però, si vanta di essere politicamente scorretto e pensa – senza avere tutti i torti – di aver ridicolizzato gli esperti durante le primarie, e che dovrebbe continuare a fidarsi del suo istinto per farlo di nuovo a novembre. In condizioni normali, le elezioni politiche americane sarebbero una scelta tra i candidati – in questo caso piuttosto impopolari – dei due maggiori partiti del paese. In realtà queste elezioni sembrano sempre di più poter diventare un referendum su Trump. Al momento questa è l’ultima cosa che i Repubblicani vogliono accada.

© 2016 – The Washington Post

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.