Virginia Raggi. (ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

Elezioni amministrative, tutti i risultati

Le cinque grandi città vanno al ballottaggio, con Raggi molto avanti a Roma, Sala e Parisi vicini a Milano e il PD fuori a Napoli; poi c'è tutto il resto

Virginia Raggi. (ANSA/ALESSANDRO DI MEO)

I risultati del primo turno delle elezioni amministrative sono arrivati nel corso della notte, nella gran parte dei casi confermando quanto si attendeva nelle scorse settimane e quanto avevano pronosticato sondaggi e proiezioni. Si è votato in quasi tutti i principali comuni italiani – Roma, Milano, Torino, Napoli – e in diverse città medio-grandi come Bologna, Latina, Novara, Rimini, Salerno, Trieste, Cosenza e Cagliari. Gli eventuali ballottaggi si terranno il 19 giugno.

A Roma ha preso più voti Virginia Raggi del M5S, con il 35,2 per cento, seguita da Roberto Giachetti del PD con il 24,8 per cento. Raggi e Giachetti andranno al ballottaggio. Altri candidati: Giorgia Meloni di Fratelli d’Italia ha il 20,6 per cento, Alfio Marchini di Forza Italia il 10,9, Stefano Fassina di Sinistra Italiana il 4,4.

A Milano vanno al ballottaggio Giuseppe Sala del centrosinistra, che ha avuto il 41,7 per cento, e Stefano Parisi del centrodestra, che ha avuto il 40,78 per cento. Altri candidati: Gianluca Corrado del M5S ha avuto il 10,6; Basilio Rizzo della sinistra ha avuto il 3,56; Marco Cappato dei Radicali l’1,88.

A Napoli vanno al ballottaggio il sindaco uscente Luigi De Magistris, sostenuto da Italia dei Valori e sinistra radicale, che ha avuto il 42,4 per cento, e Gianni Lettieri di Forza Italia, che ha avuto il 23,9 per cento. Altri candidati: Valeria Valente del PD ha avuto il 21,3 per cento, Matteo Brambilla del M5S il 9,7, Marcello Taglialatela di Fratelli d’Italia l’1,3.

A Torino andranno al ballottaggio il sindaco uscente di centrosinistra, Piero Fassino, che ha avuto il 41,84 per cento, e Chiara Appendino del M5S, che ha avuto il 30,92 per cento. Altri candidati: Alberto Morano della Lega ha avuto l’8,39, Osvaldo Napoli di Forza Italia ha avuto il 5,32, Roberto Rosso dell’UdC ha avuto il 5,05 e Giorgio Airaudo della sinistra radicale ha avuto il 3,7.

A Bologna andranno al ballottaggio Virginio Merola (39,46 per cento, che nel 2011 aveva vinto al primo turno) e Lucia Borgonzoni (22,27 per cento, già consigliera a Bologna per la Lega Nord e sostenuta da Lega Nord, Forza Italia e Fratelli d’Italia). Massimo Bugani del M5S, consigliere uscente che non era stato scelto né con una votazione online né con le primarie tra gli iscritti, è arrivato terzo con il 16,59 per cento.

Altri risultati notevoli
– A Varese il candidato della Lega e quello del PD vanno al ballottaggio.
– A Savona lo scrutinio è finito: la candidata della Lega e quello del M5S si stavano giocando per pochi voti l’accesso al ballottaggio con la candidata del PD, ma alla fine è passata Ilaria Caprioglio della Lega con il 26,61 per cento contro Salvatore Diaspro del M5S che si è fermato al 25,10. Cristina Battaglia, appoggiata da PD e UDC, ha ottenuto invece il 31,78 per cento dei voti.
– A Novara vanno al ballottaggio il candidato della Lega e quello del PD: hanno ottenuto rispettivamente il 32,77 e il 28,40 per cento dei voti.
– Si va al ballottaggio tra centrodestra e centrosinistra anche a Ravenna.
– A Rimini il sindaco uscente del PD è stato rieletto al primo turno.
– A Sesto Fiorentino andranno al ballottaggio il candidato del PD e quello di una lista civica di sinistra (poi c’è un altro candidato di estrema sinistra, che è arrivato terzo).
– A Isernia lo scrutinio procede a rilento: i primi due candidati di centrodestra (uno sostenuto da Fratelli d’Italia e l’altro da Forza Italia e Lega) sono quasi alla pari.
– A Trieste è in vantaggio il centrodestra con Roberto Dipiazza mentre il sindaco uscente del PD Roberto Cosolini ha circa 13 punti di svantaggio.

– A Benevento c’è Clemente Mastella al ballottaggio.
– Anche a Caserta si va al ballottaggio tra candidato di centrosinistra, in vantaggio, e candidato di centrodestra.
– A Salerno il sindaco uscente Vincenzo Napoli, centrosinistra, è stato rieletto al primo turno con il 71 per cento (e non c’erano ufficialmente liste del PD).
– A Cosenza ha vinto al primo turno Mario Occhiuto di centrodestra con il 60 per cento, sostenuto da quindici liste civiche.
– a Cagliari il sindaco uscente Massimo Zedda, centrosinistra, è stato rieletto al primo turno.
– A Latina il candidato di alcune liste civiche e il candidato di centrodestra (sostenuto da Fratelli dl’Italia e Lega) sono praticamente alla pari a circa il 23 per cento. Il candidato del PD è terzo a poco più del 21 per cento.
– A Grosseto il candidato di centrodestra (sostenuto in modo unitario) andrà al ballottaggio con il candidato sostenuto dal PD.

– A Brindisi il candidato appoggiato da PD e UDC è passato al secondo turno con la candidata di centro sostenuta da alcune liste civiche: il candidato del M5S è arrivato terzo.
– Nessun vincitore al primo turno anche a Crotone: andranno al ballottaggio la candidata di centrosinistra sostenuta dal PD e il candidato di alcune liste civiche.
– A Carbonia ci sarà il ballottaggio tra il candidato del centrosinistra e Paola Massidda del M5S.
– A Olbia lo scrutinio procede a rilento: per ora è in vantaggio con ampio margine il candidato del centrosinistra sostenuto da PD ma anche da Unione Popolare Cristiana. Al secondo posto c’è il candidato di Forza Italia e Noi con Salvini.
– A Villacidro, comune della Sardegna, è stata eletta al primo turno Marta Cabriolu sostenuta da una lista civica di sinistra che ha ottenuto il 41,37 per cento dei voti.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.