Ken Loach, vincitore della Palma d'oro per "I, Daniel Blake"(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Chi ha vinto a Cannes

Tutti i premi e le foto: la Palma d’oro a Ken Loach per il film "I, Daniel Blake", il Gran Premio della giuria a "Juste la fine du monde" di Xavier Dolan

Ken Loach, vincitore della Palma d'oro per "I, Daniel Blake"(ALBERTO PIZZOLI/AFP/Getty Images)

Si è conclusa la 69esima edizione del festival di Cannes: la Palma d’oro è stata assegnata al film I, Daniel Blake del 79enne regista britannico Ken Loach. Il Gran Premio della giuria è stato assegnato a Juste la fine du monde del 27enne regista canadese Xavier Dolan. Il premio per il miglior regista è stato assegnato ex aequo al regista francese Olivier Assayas per Personal shopper e al regista rumeno Cristian Mungiu per Bacalaureat. Il premio per la miglior sceneggiatura è stato assegnato al regista iraniano Asghar Farhadi per il film Forushande. La filippina Jaclyn Jose è stata premiata come miglior attrice per il film Ma’ Rosa. Il premio per il miglior attore è stato assegnato all’attore iraniano Shahab Hosseini per il film Forushande. La Camera d’Or, con cui viene premiata la miglior opera prima di tutte le sezioni, è andata a Divines della regista franco-marocchina Houda Benyamina.

Tutti i premi, in ordine
Palma d’oro al miglior film: I, Daniel Blake di Ken Loach
Grand Prix speciale della giuria: Juste la fine du monde di Xavier Dolan
Prix d’interprétation féminine (migliore attrice): Jaclyn Jose per Ma’ Rosa
Prix d’interprétation masculine (miglior attore): Shahab Hosseini per Forushande
Prix de la mise en scène (miglior regista): ex aequo Olivier Assayas per Personal shopper e Cristian Mungiu per Bacalaureat
Prix du scénario (miglior sceneggiatura): Asghar Farhadi per Forushande
Camera d’Or (miglior opera prima di tutte le sezioni): Divines di Houda Benyamina
Premio della giuria: American Honey di Andrea Arnold
Palma d’oro al miglior cortometraggio: Timecode Juanjo Gimenez

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.