• Mondo
  • lunedì 18 Aprile 2016

C’è stato un attentato a Gerusalemme

21 persone sono state ferite dall'esplosione di una bomba su un autobus, non succedeva dal 2012

Ventuno persone sono state ferite da un’esplosione su un autobus a Gerusalemme: due si trovano in ospedale in condizioni critiche. Contrariamente a quanto aveva suggerito nei primi momenti, la polizia israeliana ha detto che l’esplosione è stata causata da una bomba che si trovava nella parte posteriore dell’autobus, che lo ha incendiato e ferito i passeggeri. Inizialmente aveva anche detto che le persone ferite si trovavano su un altro bus e su un’auto vicini. Anche il sindaco di Gerusalemme Nir Barkat ha detto che l’esplosione è stata causata da una bomba, mentre il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha detto che «troveremo i colpevoli e chi li aiuta». Hamas non ha rivendicato l’attentato ma ha scritto su Twitter che “si schiera a favore dell’operazione a Gerusalemme e la considera una reazione naturale ai crimini sionisti».

Inizialmente alcuni giornalisti israeliani avevano espresso dubbi sul fatto che l’esplosione fosse stata causata da un attentato: Dov Lieber del Times of Israel aveva scritto su Twitter che i media vicini ad Hamas sembrano tanto sorpresi dell’esplosione quanto quelli israeliani. Daniel Nisman, un analista esperto di Medio Oriente, ha ricordato su Twitter che questa è la prima bomba esplosa su un autobus a Gerusalemme dal novembre del 2012.