Il modello Luka Sabbat all'83 di Wooster Street, nel quartiere Soho di New York, il 18 marzo 2016, all'inaugurazione del Pablo Pop-Up Shop di Kanye West (Astrid Stawiarz/Getty Images)
  • Moda
  • lunedì 11 Aprile 2016

Chi è Luka Sabbat, il “teenager più fico di Internet”

Ha 18 anni, fa il modello, ed è considerato uno di quelli che più influenza le mode tra i giovani

Il modello Luka Sabbat all'83 di Wooster Street, nel quartiere Soho di New York, il 18 marzo 2016, all'inaugurazione del Pablo Pop-Up Shop di Kanye West (Astrid Stawiarz/Getty Images)

Luka Sabbat è americano, ha 18 anni, fa il modello da quando ne ha 15 ed è considerato tra le persone che più influenzano i giovani in fatto di moda: su Instagram ha 193 mila followers, su Twitter ne ha più di 66 mila. Nel 2015 la rivista di musica e cultura pop Complex l’ha definito il “teenager più fico di Internet” e, visto il suo successo crescente, il New York Times ha raccontato chi è a chi ancora non lo conosce.

Sabbat è nato e cresciuto nel mondo della moda (sfilò la prima volta a tre anni, per John Galliano) tra Parigi, Londra e New York; sua madre è stata per anni un’agente di modelle e un’assistente di produzione di Bureau Betak, una società che si occupa della realizzazione delle sfilate, suo padre, Clark Sabbat, fa lo stilista. È comparso in campagne pubblicitarie di Tommy Hilfiger, American Eagle e Hood by Air; ha partecipato a due delle sfilate di Yeezy, la linea di Adidas disegnata da Kanye West. Altre cose notevoli: per il suo aspetto è stato paragonato a un giovane Jimi Hendrix, lavora anche come stylist, e lo stilista Tom Ford gli ha regalato un abito per il ballo di fine anno della sua scuola.

Again.season2

Una foto pubblicata da Mr. Fallback (@lukasabbat) in data:

Nel mondo della moda ci sono personaggi con un maggior seguito online di Sabbat: altri modelli giovani e molto popolari come Lucky Blue Smith (17 anni e 2,1 milioni di seguaci su Instagram) e Cameron Dallas (21 anni e 11,3 milioni di seguaci), che hanno attirato gruppi di fan anche a Milano, dove sono andati lo scorso gennaio. Chi segue Sabbat però lo fa con particolare attenzione, spiega il New York Times: i suoi post hanno migliaia di like, e il suo successo potrebbe continuare grazie alla profonda conoscenza che ha dei meccanismi della moda, superiore a quella di altri modelli (come per esempio Dallas, che è diventato famoso pubblicando suoi video su Vine).

Thanks to @tomford for my #prom suit Una foto pubblicata da Mr. Fallback (@lukasabbat) in data:

Secondo John Jannuzzi, vicedirettore di Twitter Moments per gli Stati Uniti, Sabbat ha un grande seguito perché mostra ai suoi followers il tipo di vita – alla moda, e inserita nel mondo della moda – che desiderano condurre. Ai suoi followers non interessano solo gli abiti che indossa, ma anche quello che mangia e quello che compra: vorrebbero essere lui. È particolarmente affascinante per i giovani contemporanei perché è figlio di una coppia mista – madre bianca e padre nero –, è eterosessuale ma gira con amici gay e transessuali, ed è amico di rapper e stilisti.

Mom and dad

Una foto pubblicata da Mr. Fallback (@lukasabbat) in data:

Per descrivere il suo stile, Sabbat dice: «Non saprei bene, Fear of God, Off White, Rick Owens, Martin Margiela, Haider Ackermann, Supreme, e una combinazione di vestiti vintage». Kevin Amato, il manager che l’ha scoperto ai cast di Hood by Air, spiega che Sabbat «è raffinato e sofisticato. Ha un aspetto costoso». La sua qualità fondamentale è far sembrare vestiti molto costosi indispensabili per essere alla moda. C’è un aggettivo coniato di recente in inglese che definisce nel modo più azzeccato i tipi come Sabbat: steez, che indica le persone alla moda, che riescono a vestirsi sempre nel modo giusto senza impegnarsi per farlo, o darne l’impressione.

Personaggi come Sabbat sono fondamentali per le aziende di moda, spiega Dave Marsey, digital manager dell’agenzia pubblicitaria DigitasLBi: «permette di infilare i loro prodotti nella narrativa dei social media, ma in modo coerente e completo. Tutti vogliono conoscere Sabbat, tutti vogliono stargli attorno. È il tipo figo della festa che vorremmo essere tutti».