Adele ai Brit Awards 2016, Londra, 24 febbraio 2016 (Joel Ryan/Invision/AP)
  • giovedì 25 febbraio 2016

Brit Awards 2016, chi ha vinto

La cantante più premiata è stata Adele, ma tra i vincitori ci sono anche James Bay, Björk, Coldplay e altri ancora

Adele ai Brit Awards 2016, Londra, 24 febbraio 2016 (Joel Ryan/Invision/AP)

La sera di mercoledì 24 febbraio si è tenuta la cerimonia di premiazione della 36esima edizione dei Brit Awards, i premi musicali che ogni anno vengono assegnati ad artisti pop dalla “British Phonographic Industry”, l’associazione che rappresenta le case discografiche nel Regno Unito e di cui fanno parte le quattro grandi major: Universal, Sony, EMI e Warner. La cerimonia si è tenuta all’O2 di Londra. Quest’anno l’evento è stato dedicato a David Bowie: un documentario ha ricostruito cinque anni importanti della sua discografia (1971, 1975, 1977, 1980 e 1983). Durante le premiazioni e le esibizioni ci sono stati un po’ di momenti particolari tra cui Adele che si commuove, il suo premio che viene annunciato da un astronauta nello spazio e Lorde che canta Life on Mars di Bowie.

Le foto della serata:

L’elenco dei vincitori nelle varie categorie:

Migliore artista solista britannica femminile: Adele

Migliore artista solista britannico maschile: James Bay

Miglior gruppo internazionale: Tame Impala

Miglior singolo britannico: Hello, Adele

Miglior gruppo britannico: Coldplay

Migliore artista solista maschile internazionale: Justin Bieber

Miglior rivelazione britannica: Catfish and the Bottlemen

Successo globale: Adele

Miglior artista solista internazionale: Björk

Album britannico dell’anno: 25, Adele

Miglior video britannico dell’anno: Drag Me Down, One Direction

Produttore britannico dell’anno: Charlie Andrew

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.