(© Presidenciamx/Planet Pix via ZUMA Wire)
  • Mondo
  • martedì 16 Febbraio 2016

Le foto di Papa Francesco in Messico

Bergoglio con un sombrero, stadi pieni di fedeli, suore che corrono e costumi indigeni: un racconto fotografico del viaggio del Papa

(© Presidenciamx/Planet Pix via ZUMA Wire)

Venerdì 12 febbraio è iniziata la visita di Papa Francesco in Messico. A Città del Messico il Papa è stato ricevuto al Palazzo Nazionale e ha incontrato il presidente Enrique Peña Nieto; poi ha visitato l’Ospedale pediatrico “Federico Gómez” e ieri, lunedì 15 febbraio, si è trasferito a San Cristóbal de Las Casas per celebrare una messa con le comunità indigene del Chiapas. Alla messa erano presenti centomila persone.

Il Papa ha cominciato l’omelia con un verso del Salmo 19 in lingua tsotsil, parlata dal gruppo etnico di indios americani, discendenti diretti dei maya, che abitano gli altopiani centrali del Chiapas: le zone cioè dell’insurrezione guidata dall’Esercito zapatista di liberazione nazionale (Ezln). «Molte volte, in modo sistematico e strutturale, i vostri popoli sono stati incompresi ed esclusi dalla società. Alcuni hanno considerato inferiori i loro valori, la loro cultura e le loro tradizioni». Il Papa ha chiesto «perdono» per i saccheggi subiti dai popoli indigeni e per l’espropriazione delle loro terre. Ha poi parlato – come nell’enciclica Laudato si’ – di ecologia e ambiente. Il viaggio di Jorge Bergoglio in Messico terminerà giovedì 18 febbraio.