I nuovi problemi al Trade Center Transit Hub di New York

Una struttura molto complessa progettata da Calatrava avrebbe dovuto aprire nel 2015, ma ci sono ritardi e i costi sono raddoppiati

World Trade Center transportation hub, New York, maggio 2015 (AP Photo/Mark Lennihan)

Il World Trade Center Transportation Hub dell’architetto spagnolo Santiago Calatrava – attualmente in costruzione a New York dove si trovava un centro commerciale distrutto dagli attentati dell’11 settembre 2001 – avrebbe dovuto aprire nel 2015. Lo scorso agosto, però, è stato annunciato un ritardo: almeno fino alla prima metà del 2016 la grande struttura non sarà pronta. Gli ultimi problemi hanno a che fare con infiltrazioni d’acqua nel cantiere vicino ed è, scrive il New York Times, solo l’ultima delle grane legate alla costruzione di un progetto così complesso e spettacolare che il suo costo è praticamente raddoppiato rispetto alle stime iniziali, annunciate quasi 12 anni fa.

Il progetto è conosciuto come “Oculus”: è una struttura composta da due grandi ali di acciaio alta circa 50 metri da terra e con una parte interrata e, una volta completato, sarà il terzo più grande centro di trasporto intermodale della città. Si trova tra la torre 2 e la torre 3 del WTC: è stato progettato per connettere i treni Path, 11 linee della metropolitana, le quattro torri del World Trade Center, la piazza del memoriale, la Brookfield Place (ex World Financial Center) e il terminal dei traghetti Battery Park City. L’hub, l’Oculus di Calatrava, rappresenta il fulcro di questa complessa struttura, con una grande sala centrale con pavimento in marmo bianco e vari livelli che ospiteranno un centro commerciale di circa 21 mila metri quadrati.

site_plan (1)

Il ritardo complessivo sul termine dei lavori e il raddoppio dei costi è stato causato dall’aumento del costo dell’acciaio, dai danni causati dal passaggio degli uragani Katrina e Sandy e dai numerosi cambi in corso d’opera del progetto (il tetto dell’Oculus doveva aprirsi, come quello delle antiche arene, ma l’idea è stata abbandonata; per questioni di sicurezza nel 2005 le nervature d’acciaio sono state raddoppiate, togliendo, tra l’altro, leggerezza al progetto).

L’ultima questione ha a che fare con le infiltrazioni d’acqua nel cantiere della torre 3, una torre per uffici a ridosso dell’Oculus, che hanno invaso alcuni spazi del futuro centro commerciale. Qualche giorno fa il direttore dei lavori dell’Autorità Portuale di New York – che con la Westfield Corporation e il New Jersey, è proprietaria e responsabile della ristrutturazione – ha detto che le infiltrazioni sono state «drasticamente ridotte» e che sono stati fatti dei «progressi significativi». Westfield, a cui compete in particolare la zona del centro commerciale, ha poi fatto sapere che continua «a cooperare e a lavorare a stretto contatto con l’Autorità Portuale per completare la costruzione e soddisfare le condizioni per la consegna degli spazi di vendita al dettaglio».

L’architetto spagnolo Santiago Calatrava è famoso in tutto il mondo per il suo stile dinamico e maestoso allo stesso tempo, per gli arditi progetti legati all’ingegneria (ponti, soprattutto), e per opere come l’Art Museum di Milwuakee, il James Joyce Bridge di Dublino, la stazione dell’Alta Velocità e il ponte sull’autostrada a Reggio Emilia. Ma è anche da tempo al centro di polemiche e problemi riguardo alcune sue costruzioni in Spagna e altrove, polemiche e problemi che agli italiani sono familiari per via delle questioni intorno al suo ponte pedonale alla stazione di Venezia.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.