(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)
  • Italia
  • giovedì 1 Ottobre 2015

ATAC Roma: le cose da sapere sullo sciopero di domani, venerdì 2 ottobre

La giornata di domani si annuncia piuttosto caotica per chi si deve spostare a Roma: ci saranno due scioperi, due cortei e tanta pioggia

(ANDREAS SOLARO/AFP/Getty Images)

È stato indetto per domani, venerdì 2 ottobre, uno sciopero dell’ATAC, l’azienda di trasporto pubblico locale di Roma. Lo sciopero inizia alle 8.30 del mattino, prosegue fino alle 17; poi ci sono tre ore di servizio regolare e lo sciopero riprende alle 20 e dura fino a fine servizio. Mercoledì 30 settembre si sono dimessi il direttore generale dell’ATAC, Francesco Micheli, e l’amministratore delegato, Danilo Broggi. Broggi rimarrà in carica fino all’approvazione del bilancio.

È possibile che lo sciopero interessi anche alcune linee “N”, le notturne dell’ATAC, nella notte tra venerdì e sabato. Allo sciopero aderiscono solamente i lavoratori del sindacato USB Lavoro Privato: le altre sigle sindacali, che inizialmente avevano aderito, hanno posticipato lo sciopero. Oltre alle linea urbane ATAC (autobus, tram e metro) saranno coinvolte dallo sciopero anche le tre linee ferroviarie di Termini-Centocelle, Roma-Lido e Roma-Viterbo.

Oltre ai dipendenti ATAC, a Roma sciopereranno anche quelli di Roma TPL, la seconda più grande azienda che si occupa di trasporti a Roma e che gestisce circa il 20 per cento del servizio di trasporto. Roma TPL si occupa delle linee periferiche e partecipa allo sciopero sempre con i dipendenti del sindacato USB Lavoro Privato. Dal sito del sindacato si legge:

Da mesi i delegati e i lavoratori della Coop. 29 Giugno denunciano il complessivo peggioramento delle condizioni lavorative, soprattutto dopo l’esplosione delle vicende legate all’inchiesta  “mafia capitale”, e porteranno in piazza la propria indignazione rispetto alla scelta di non rendere pubblica la relazione prefettizia.
I lavoratori della Coop. 29 Giugno saranno in sciopero anche per protestare contro le politiche di ulteriore privatizzazione del trasporto pubblico locale e dei servizi pubblici essenziali, contro l’attacco al diritto di sciopero e contro la prevista attuazione della legge denominata “nuovo codice degli appalti”: tutte questioni che determinano il peggioramento delle già precarie condizioni dei lavoratori in appalto e del servizio erogato ai cittadini.

A rendere ancora più difficile il trasporto nella città di Roma domani ci saranno due cortei: uno proprio dell’USB, che non è stato autorizzato dalla questura, dovrebbe partire dalle 17 dal Colosseo e coinvolgere oltre ai dipendenti di ATAC e Roma TPL anche quelli di AMA, l’azienda per la raccolta dei rifiuti di Roma, e di altre aziende che svolgono servizi per il comune. L’altro corteo è organizzato dagli Studenti Autorganizzati Romani: dovrebbe partire da Piramide alle 9.30 del mattino, ma non è ancora stato segnalato un percorso preciso, dice il comune di Roma, e non si sa quale sarà il numero di partecipanti.

È stata inoltre diffusa un’allerta meteo per il comune di Roma: da oggi, 1 ottobre, e per le seguenti 24-36 ore sono previsti forti temporali. Le previsioni del tempo confermano la pioggia anche domani nell’orario dello sciopero dell’ATAC e di Roma TPL e dei due cortei.