• Mondo
  • mercoledì 9 settembre 2015

Il video della giornalista ungherese che fa lo sgambetto a un migrante

L'uomo scappava nella zona del confine tra Serbia e Ungheria con in braccio un bambino: in seguito è spuntato un altro video simile, e la giornalista è stata licenziata

Martedì 8 settembre il giornalista freelance tedesco Stephan Richter ha diffuso un video di 20 secondi registrato nei pressi della città ungherese di Roszke, sul tratto di confine tra Ungheria e Serbia che nelle ultime settimane è stato quello più usato dai migranti mediorientali per entrare in Ungheria. Il video mostra un gruppo di migranti che scappano disordinatamente dalla polizia e una donna che, mentre registra la scena con una videocamera, fa lo sgambetto a un uomo che corre con un bambino in braccio, facendoli cadere entrambi. Successivamente la stessa giornalista è stata riconosciuta in un’altro video diffuso dal sito ungherese Indexnel quale si vede mentre tira calci a un ragazzo e a una bambina nella stessa occasione del primo video. La donna è una giornalista freelance: si chiama Petra Laszlo e in quel momento stava registrando per conto di Nemzeti Televízió, un sito di news ungherese legato al partito di destra Jobbik.

Dopo la pubblicazione dei due video, ripresi dai siti di news in tutto il mondo, il direttore di Nemzeti Televízió ha pubblicato un comunicato sulla pagina Facebook del sito spiegando di aver licenziato Petra Laszlo per il suo comportamento “inaccettabile”.

Schermata 2015-09-09 alle 07.51.30

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.