(AP Photo/Michel Euler)
  • Mondo
  • martedì 7 luglio 2015

Per la Grecia è tutto rimandato a domenica

È stato deciso un nuovo incontro tra i leader dei paesi dell'euro, intanto il governo Tsipras dovrà presentare nuove proposte: tutte le notizie della giornata in un posto solo

(AP Photo/Michel Euler)

I leader dei paesi che adottano l’euro si sono riuniti a Bruxelles per discutere l’esito del referendum di domenica in Grecia, che ha respinto le proposte dei creditori internazionali per offrire un nuovo piano di aiuti al paese in una crisi economica sempre più insostenibile. La riunione di oggi non ha portato a un nuovo accordo, ma è stato fissato un nuovo – e ultimo – incontro per domenica prossima. Intanto, come ha spiegato il cancelliere tedesco Angela Merkel parlando con i giornalisti al termine della riunione, il governo greco dovrà presentare delle solide e dettagliate proposte che riguardino sia il piano di salvataggio che le riforme che il paese è disposto a intraprendere in cambio di nuovi prestiti.

In molti si aspettavano che il governo greco avrebbe presentato una nuova proposta già oggi, durante l’Eurogruppo che ha preceduto l’incontro di questa sera, e in molti si sono detti frustrati dalla mancanza di un nuovo piano. Il presidente dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem, alla fine della riunione era apparso piuttosto irritato: “Avevamo capito che le proposte sarebbero arrivate oggi”.

Dopo l’incontro di questa sera Jean-Claude Juncker e Donald Tusk, rispettivamente presidente della Commissione europea e del Consiglio europeo, hanno sottolineato con forza che quella di domenica sarà l’ultima occasione per trovare un accordo con la Grecia: se non ci sarà un accordo si discuterà dell’uscita della Grecia dall’euro e di piani umanitari per aiutare il paese. Per questa ragione domenica non parteciperanno all’incontro solo i leader dei paesi dell’eurozona, ma quelli di tutti i paesi dell’Unione Europea.

Di seguito le notizie di oggi: non serve aggiornare la pagina, si ricarica da sola.

23:42 7 Lug 2015

Infine anche il primo ministro greco Alexis Tsipras ha parlato con i giornalisti. Tsipras si è detto contento che le sue controparti abbiano riconosciuto che la crisi Greca è un problema di tutta Europa, e ha detto di volere “una permanente uscita dalla crisi”. Tsipras ha aggiunto di aver presentato un piano “economicamente sostenibile e socialmente giusto” per permettere alla Grecia di uscire dalla crisi. Secondo lui l’incontro di oggi è stato positivo e la speranza è di trovare un accordo entro la fine della settimana.

23:24 7 Lug 2015

Ora anche Junker ha parlato con i giornalisti, dicendo che la crisi della Grecia riguarda tutta l’Unione Europea e spiegando che anche se si augura che la Grecia resti nell’euro, non si può escludere il contrario. Junker ha anche detto che esiste un piano dettagliato per reagire a un’eventuale uscita della Grecia dall’euro.

23:16 7 Lug 2015

Donald Tusk ha anche spiegato che alla riunione di domenica parteciperanno tutti 28 i capi di stato e di governo dell’Unione Europea, non solo quelli dei paesi che adottano l’euro. La ragione, ha detto Tusk, è che non si può escludere che la Grecia non presenti nessuna proposta e che domenica si debba già parlare delle conseguenza dell’uscita dall’euro della Grecia e di possibili aiuti umanitari.

23:11 7 Lug 2015

Ha parlato alla stampa anche Donald Tusk:

Tutte le parti in questo negoziato condividono la responsabilità per il corrente status quo, questo è il motivo per cui oggi ho chiesto ai leader dei paesi dell’eurozona di trovare un accordo che sia un nostro successo comune, senza vincitori e senza sconfitti.

Se questo non succederà significherà la fine delle trattative, con tutte le possibili conseguenze, compreso il peggior scenario possibile.

La nostra incapacità di trovare un accordo potrebbe portare alla bancarotta della Grecia e al crollo del suo sistema bancario. E di sicuro sarà molto doloroso per i cittadini greci.

Non ho dubbi che queste cose avranno effetti anche su tutta l’Europa, anche a livello geopolitico.

Se qualcuno pensa che non sarà così, è un ingenuo.

La dura realtà è che abbiamo solo 5 giorni per trovare un accordo finale.

Fino ad oggi ho evitato di parlare di scadenza e deadline, ma questa sera devo dirlo forte e chiaro: la fine delle trattative sarà questa settimana. Tutti noi siamo responsabili per questa crisi, e tutti noi abbiamo la responsabilità di risolverla.

22:49 7 Lug 2015

Anche Angela Merkel ha parlato con i giornalisti al termine della riunione. Ha spiegato che domani il governo greco presenterà una richiesta di prestito e un primo piano di riforme, mentre per giovedì dovrebbe presentare una proposta più dettagliata per un piano di salvataggio di diversi anni. Per quanto riguarda la possibilità che la Grecia ottenga un prestito a breve termine per dare sollievo al suo sistema bancario, Merkel ha spiegato che prima è necessario trovare un accordo su un piano a lunga scadenza. A proposito del referendum di domenica, invece, Merkel ha detto che «potrebbe aver reso più forte la posizione di Tsipras, ma ha ridotto i margini di manovra degli altri 18 paesi».

22:33 7 Lug 2015

Intanto Matteo Renzi ha parlato con i giornalisti spiegando che domenica prossima ci sarà un nuovo incontro per discutere della situazione della Grecia. Intanto, ha spiegato Renzi, il governo greco avrà tempo di presentare una nuova proposta per un accordo. Renzi ha anche detto:
«Spero che quello di domenica sia l’ultimo incontro per discutere della Grecia. Spero che sarà un finale felice. Credo che domenica potremo raggiungere un accordo. Non sono pessimista».

22:29 7 Lug 2015

Tra poco ci sarà la conferenza stampa di Donald Tusk, presidente del Consiglio europeo, e Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea.

22:18 7 Lug 2015

Si è appena conclusa la riunione tra i leader dei paesi che adottano l’euro per discutere della situazione della Grecia

21:40 7 Lug 2015

L’account Twitter del Consiglio europeo ha pubblicato un breve filmato in time lapse che mostra alcuni momenti della riunione in corso, dove le cose probabilmente non stanno andando così spedite

21:29 7 Lug 2015

La riunione dei capi di stato e di governo dei paesi membri dell’Unione Europea iniziata alle 18,30 è ancora in corso.

21:05 7 Lug 2015

Intanto il giornalista statunitense Simon Marks ha pubblicato su Twitter il comunicato stampa che ha ricevuto dalla Casa Bianca che conferma la telefonata di oggi tra Barack Obama e Angela Merkel per discutere della crisi della Grecia.

Il comunicato dice che i due leader sono d’accordo sulla necessità di trovare un accordo che permetta alla Grecia di ricominciare le riforme di cui ha bisogno per approvare a crescere e ripagare i suoi debiti.

17:38 7 Lug 2015

Il presidente francese François Hollande: “La Grecia deve presentare le sue proposte il prima possibile”. Lo ha detto poco dopo il suo arrivo a Bruxelles per la riunione dei leader dell’eurozona.

17:33 7 Lug 2015

L’incontro dei leader dell’eurozona dovrebbe iniziare tra un’ora circa a Bruxelles: questo è l’invito che era stato mandato ai partecipanti dal presidente del Consiglio europeo Tusk.

17:26 7 Lug 2015

Prima di arrivare a Bruxelles, Tsipras si è sentito telefonicamente con il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama. Il governo statunitense auspica da giorni che si trovi un accordo per evitare l’uscita della Grecia dall’eurozona.

17:24 7 Lug 2015

Il cancelliere tedesco Angela Merkel è arrivato da poco a Bruxelles e ai giornalisti ha detto che al momento “non ci sono le basi” per nuovi negoziati sulla Grecia, ma che comunque si tratta di una questione di giorni per trovare o meno un accordo.

17:16 7 Lug 2015

A Bruxelles è arrivato anche il primo ministro greco Tsipras, non ha fatto dichiarazioni. 

17:09 7 Lug 2015

Dijsselbloem ha detto anche che entro le prossime ore il governo greco dovrebbe avanzare una nuova proposta, simile a quella circolata prima del referendum, in cui si chiede di fare ricorso ai fondi del Meccanismo europeo di stabilità (MES) per un nuovo prestito da accordare alla Grecia.

17:06 7 Lug 2015

Jeroen Dijsselbloem, il presidente dell’Eurogruppo, ha fatto una serie di dichiarazioni apparendo piuttosto irritato per come sono andate le cose alla riunione. “Avevamo capito che le proposte sarebbero arrivate oggi” da parte della Grecia, ma così non è stato e se ne riparlerà a una nuova riunione, questa volta in teleconferenza, prevista per domani.

16:54 7 Lug 2015

L’Eurogruppo è ufficialmente finito, intanto. A breve il suo presidente dovrebbe fare qualche dichiarazione.

16:52 7 Lug 2015

Il governo greco all’Eurogruppo non ha presentato proposte formali scritte, in compenso il ministro delle Finanze, Euclid Tsakalotos, non si è accorto che qualcuno gli ha fotografato gli appunti che si era portato dietro (scritti su un blocco note di un hotel).

16:47 7 Lug 2015

Prima della riunione dei leader dell’eurozona, ci sarà un incontro tra il primo ministro greco Alexis Tsipras, il cancelliere tedesco Angela Merkel e il presidente francese François Hollande, dice Reuters.

16:41 7 Lug 2015

Persone in coda agli sportelli bancomat di una banca ad Atene, Grecia, dove continua a esserci il limite massimo di 60 euro al giorno per i prelievi (AP Photo/Thanassis Stavrakis).

16:38 7 Lug 2015

Molti corrispondenti da Bruxelles parlano di una certa frustrazione da parte di diversi membri dell’Eurogruppo, dovuta alla mancanza di una proposta concreta da parte della Grecia.

16:17 7 Lug 2015

Il primo ministro di Malta: «La mancanza di proposte concrete da parte del governo della Grecia non aiuta molto l’incontro di questa sera dei leader dell’eurozona».

16:14 7 Lug 2015

A Bruxelles iniziano intanto ad arrivare i leader dei paesi che adottano l’euro, per la loro riunione di emergenza che si terrà nel tardo pomeriggio: si discuterà del risultato del referendum in Grecia e di quale linea seguire per eventuali nuove trattative.

16:10 7 Lug 2015

Il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, ha intanto iniziato un incontro con il presidente della Banca Centrale Europea, Mario Draghi.

16:08 7 Lug 2015

In attesa di Dijsselbloem, a quanto pare la delegazione greca all’Eurogruppo avrebbe formulato una serie di proposte, ma senza presentare un documento scritto. Per qualcosa di più concreto avrebbe rimandato a domani.

16:04 7 Lug 2015

Jeroen Dijsselbloem, il presidente dell’Eurogruppo, terrà entro pochi minuti una conferenza stampa e si confida faccia chiarezza sulle proposte della Grecia alla riunione, ammesso ci siano state.

15:59 7 Lug 2015

Glossario minimo per orientarsi:

eurozona – i paesi dell’Unione Europea che adottano l’euro, sono 19;
Eurogruppo – il coordinamento dei ministri delle Finanze dell’eurozona;
Consiglio europeo – è composto dai capi di stato e di governo dei paesi membri dell’Unione Europea, si occupa dei processi di integrazione europea.

15:53 7 Lug 2015

Pier Carlo Padoan al suo arrivo a Bruxelles questa mattina, prima dell’inizio dell’Eurogruppo.

15:51 7 Lug 2015

E, sempre domani, il primo ministro greco Alexis Tsipras parlerà davanti al Parlamento europeo, a Strasburgo, in Francia.

15:47 7 Lug 2015

Intanto l’incontro tra i leader dell’eurozona previsto per le 18 è slittato alle 18:30.

15:47 7 Lug 2015

Reuters cita una sua fonte del governo greco a Bruxelles: dice che la nuova proposta di aiuti sarà presentata alle autorità europee mercoledì.

15:39 7 Lug 2015

Come accaduto già nelle ultime settimane, c’è abbastanza confusione a Bruxelles, con notizie e smentite che circolano di continuo. Alcuni dicono che la Grecia non ha presentato le sue proposte durante l’Eurogruppo, altre fonti però dicono che i rappresentanti del governo greco avrebbero presentato più o meno le stesse proposte formulate di recente dalla Commissione europea, con una serie di emendamenti. 

15:36 7 Lug 2015

Le strade che portano a un nuovo accordo, e a un conseguente nuovo prestito, sono molto poche rispetto a quelle che portano verso l’uscita della Grecia dall’euro, almeno in questo grafico di Bloomberg.

15:33 7 Lug 2015

Stanley Pignal è un giornalista dell’Economist: “Il cane ha mangiato i compiti di Tsipras”. Ormai è chiaro che la Grecia non ha avanzato proposte all’Eurogruppo.

15:30 7 Lug 2015

Matteo Renzi questa mattina era al CERN di Ginevra, in Svizzera, e ha detto che lì “c’è l’Europa che funziona”. Il CERN è il più grande laboratorio al mondo di fisica delle particelle, e il suo acceleratore è ripartito da poco. Renzi nel tardo pomeriggio sarà a Bruxelles per l’incontro dei leader dell’eurozona.

15:18 7 Lug 2015

Altre conferme sul fatto che non siano state avanzate proposte da parte della Grecia all’Eurogruppo. (Il tweet del giornalista di To Vima dice: “Il fatto è: nessuna proposta greca all’Eurogruppo”. Grazie Bing.)

15:15 7 Lug 2015

Euclid Tsakalotos, il nuovo ministro delle Finanze della Grecia, qualche ora fa in attesa che iniziasse la riunione dell’Eurogruppo a Bruxelles in Belgio. A quanto hanno appreso le agenzie, non avrebbe portato per ora nessuna proposta (AP Photo/Michel Euler).

15:03 7 Lug 2015

Una giornalista del giornale greco Kathimerini dice che il governo della Grecia sarebbe arrivato a Bruxelles senza proposte, che ne saranno presentate alcune solo domani.

13:11 7 Lug 2015

La parola più ricorrente tra analisti e osservatori in queste ore è “scetticismo”: in molti si chiedono come Tsipras possa spuntare un accordo con termini migliori rispetto a quelli respinti dal referendum, altri se possa uscire dalle riunioni di oggi una controproposta credibile. L’uscita della Grecia dall’eurozona è data come probabile, ma sarebbe una cosa senza precedenti – “la” cosa senza precedenti nella storia della moneta unica – e non si sa come potrebbe avvenire, con quali tempi e in che termini. Ma non moriremo tutti, tranquilli.

13:06 7 Lug 2015

Non proprio una botta d’ottimismo da parte del ministro delle Finanze del Belgio, Johan Van Overtveldt, che arrivando all’Eurogruppo ha detto: “L’economia della Grecia è in caduta libera, e anche il suo sistema bancario è più o meno in caduta libera”.

13:01 7 Lug 2015

Euclid Tsakalotos, il nuovo ministro delle Finanze della Grecia, è arrivato a Bruxelles per l’Eurogruppo: niente cravatta e nessun commento da fare.

12:42 7 Lug 2015

Tra una ventina di minuti, i ministri delle Finanze dell’eurozona inizieranno una nuova riunione dell’Eurogruppo per discutere la situazione della Grecia. L’incontro sarà seguito nel tardo pomeriggio dalla riunione dei leader europei, e lì si farà sul serio.

12:23 7 Lug 2015

La Süddeutsche Zeitung, uno dei più importanti e diffusi quotidiani tedeschi, scrive che probabilmente le proposte dell’Eurogruppo di oggi non saranno molto diverse da quelle contenute nella precedente proposta, rifiutata nel referendum di domenica. Questo potrebbe complicare le cose per il governo Tsipras, che naturalmente mira a un accordo migliore.

12:06 7 Lug 2015

Secondo il sito del giornale greco Kathimerini la disponibilità delle banche greche è passata da 18 miliardi di euro a 5 miliardi di euro dopo l’aumento degli “haircut” da parte della BCE. Con “haircut” si definisce una correzione al valore dei titoli portati in garanzia dalle banche. In pratica significa che per avere lo stesso ammontare di prestiti, le banche greche dovranno aumentare i titoli portati in garanzia.

11:59 7 Lug 2015

Mentre ci si avvia a metà giornata, la borsa di Milano continua a essere in positivo, seppure di poco: 0,49 per cento.

11:46 7 Lug 2015

Il Financial Times ha realizzato un sistema per tenere traccia del debito greco, in questo video si capisce più o meno come funziona, per voi impallinati coi numerini.

11:32 7 Lug 2015

Vignetta piuttosto eloquente pubblicata oggi sul De Volkskrant dei Paesi Bassi.

11:29 7 Lug 2015

Nel frattempo all’Acropoli di Atene c’è la solita ressa di turisti.

11:23 7 Lug 2015

In una intervista pubblicata oggi dal Corriere della Sera, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni ha detto:

Non dobbiamo sottovalutare la gravità specifica del problema greco, ma questo si risolve solo se l’Ue ritrova un orizzonte politico: sappiamo bene che la Grecia è fuori dai parametri e non per colpa dei tedeschi cattivi, ma per responsabilità delle leadership che si sono succedute ad Atene negli ultimi 15/20 anni.

Gentiloni ha anche criticato una certa tendenza di Germania e Francia a fare per conto loro, quando si tratta di scegliere una linea da seguire tra i paesi dell’eurozona, facendo indirettamente riferimento all’incontro di ieri a Parigi tra Angela Merkel e François Hollande:

Con tutto il rispetto per la collaborazione franco-tedesca, che nel caso dell’Ucraina ha prodotto risultati positivi, assolutamente no. Le decisioni in Europa si prendono oggi, non nei vertici bilaterali. E l’Italia nell’ultimo anno ha contribuito a portare a Bruxelles il confronto politico sull’economia e sull’immigrazione. Ma per uscire dal surplace, cioè dallo stallo, occorrono risultati più importanti. L’Italia farà la sua parte, ma io me lo aspetto da tutti quei Paesi e da quei cittadini europei per i quali è chiaro che un’Europa ferma oggi è destinata a fallire.

11:18 7 Lug 2015

Un uomo chiede a un venditore di strada il prezzo di una maglietta di seconda mano ad Atene, in Grecia (AP Photo/Petros Giannakouris).

11:09 7 Lug 2015

Nel frattempo il presidente del Consiglio italiano, Matteo Renzi, è a Ginevra (Svizzera) per una visita al CERN. Nel pomeriggio raggiungerà Bruxelles per la riunione con gli altri leader europei.

11:07 7 Lug 2015

Simon Nixon è il principale opinionista e commentatore del Wall Street Journal sulle cose che riguardano l’Unione Europea. Dice che oggi Tsipras avrà davanti due possibilità: accettare un piano di aiuti a condizioni ancora più dure di quelle votate nel referendum, ammesso ci sia una proposta in tal senso, o l’uscita della Grecia dall’eurozona.

11:04 7 Lug 2015

Anche oggi i trasporti pubblici sono gratuiti ad Atene, come lo sono stati dall’inizio della settimana scorsa.

10:57 7 Lug 2015

Il primo ministro francese, Manuel Valls, intanto ha detto in una intervista radiofonica che non si può “rischiare che la Grecia lasci l’eurozona” e che, se ciò accadesse, ci sarebbero conseguenze a livello globale per quanto riguarda la crescita e l’economia.

10:53 7 Lug 2015

E se l’elmetto posticcio della Bild sulla testa di Merkel vi ha fatto venire in mente Otto von Bismarck, qui c’è la sua storia (e quella della bistecca con l’uovo).

10:51 7 Lug 2015

Il giornale tedesco Bild, uno dei più letti in Germania, oggi ha in prima pagina una fotografia del cancelliere Angela Merkel con un elmo a punta, quello che indossavano le truppe prussiane, accompagnata da un titolo piuttosto eloquente in cui viene chiamata “Il Cancelliere di Ferro” e in cui si chiede di “Non dare altri miliardi alla Grecia”.

10:33 7 Lug 2015

La borsa in Grecia, chiusa dall’inizio della settimana scorsa, sarà chiusa almeno fino a domani compreso, hanno detto le autorità greche.

10:31 7 Lug 2015

Questo grafico mostra quanta spesa corrente può permettersi il governo greco, sulla base del pregresso. Sono mostrati anche gli aumenti o le riduzioni di Spagna, Regno Unito e Italia.

10:29 7 Lug 2015

Secondo Gideon Rachman, sul Financial Times, l’Europa dovrebbe approfittare di questa situazione per trovare la soluzione migliore per tutti: permettere alla Grecia un’uscita dall’euro che sia il più dolce e indolore possibile, anche dandole sollievo sul debito, e permettere all’Europa di andare avanti senza la zavorra della Grecia. Rachman argomenta che questa sarebbe davvero l’unica soluzione buona per tutti: un accordo per restare nell’euro, per quanto più morbido dei precedenti, non aiuterebbe la Grecia a risolvere davvero la sua crisi e non aiuterebbe l’Europa a gestire simili crisi in futuro.

10:19 7 Lug 2015

Intanto oggi gli indici di borsa europei vanno molto meglio di ieri, Milano compresa.

09:52 7 Lug 2015

Oggi a Bruxelles potrebbero esserci decisioni importanti per la Grecia, ma c’è comunque un’altra data da segnare sul calendario: il 20 luglio, la prossima scadenza per il governo greco:

Nell’incertezza seguita alla vittoria del No al referendum sulle ultime condizioni poste dai creditori internazionali per dare un nuovo prestito alla Grecia e permetterle di evitare la bancarotta, una delle poche cose sicure è questa: che un nuovo accordo sarà eventualmente trovato entro il 20 luglio, oppure sarà troppo tardi.
Il 30 giugno la Grecia è andata in default nei confronti del Fondo Monetario Internazionale: cioè si è dimostrata insolvente, perché ha mancato uno dei pagamenti prefissati per restituire una rata di un precedente prestito ricevuto. La Grecia non ha potuto pagare il FMI per lo stesso motivo per cui sta negoziando da mesi un nuovo prestito internazionale: spende più di quello che incassa quindi sta finendo i soldi, e presto saranno finiti del tutto. Preoccupati dalla situazione economica e dalla trattativa, durante il mese di giugno i cittadini e le cittadine greche hanno ritirato parecchi soldi dai loro conti correnti mettendo in difficoltà le banche: è il motivo per cui alla fine di giugno il governo ha deciso di chiudere gli istituti di credito e porre un limite di 60 euro ai soldi che si possono prelevare ogni giorno dai bancomat. Anche i soldi delle banche, comunque, finiranno: e dato che la Grecia non stampa una sua moneta, l’unico ente che può ripristinare la liquidità verso le banche è la Banca Centrale Europea.

Continua a leggere ➡️

09:48 7 Lug 2015

Si mandano SMS.

09:47 7 Lug 2015

Dice il Sole 24 Ore,  in un primo punto di come vanno le cose in borsa e non solo:

Intanto gli analisti prendono strade diverse nell’ipotizzare le probabilità di un Grexit. Secondo Credit Suisse, lo scenario base resta quello di un accordo. Per Jp Morgan l’uscita della Grecia dall’euro è a questo punto lo scenario numero uno.
Segnali positivi anche dal mercato obbligazionario con lo spread BTp-Bund in calo sotto i 160 punti base. Ieri la Bce ha comunicato che ha giugno ha acquistato 8 miliardi di titoli di Stato italiani e che da novembre, da quando è partito il “qe”, ne ha acquistati un controvalore di 31 miliardi (rendimenti dei bond dell’Eurozona).
L’euro tiene quota 1,10 ma in leggero calo nei confronti del dollaro. Rimbalza il petrolio dopo le forti perdite accusate ieri (-8%).

09:44 7 Lug 2015

Però una cosa interessante Juncker l’ha detta: «I greci hanno parlato, mi piacerebbe capire cosa hanno detto».

09:35 7 Lug 2015

La borsa di Milano intanto ha aperto in positivo, anche se di poco: 0,65 per cento. Bene anche in Spagna (0,32 per cento) e in Germania (0,46 per cento).

09:32 7 Lug 2015

Il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker ha tenuto un breve discorso al Parlamento europeo dicendo che “bisogna trovare una soluzione”, ma che al momento “la palla è nella metà campo della Grecia”. Yawn.

09:27 7 Lug 2015

Il programma della giornata, per farvi un’idea di cosa ci aspetta:

12:00 – Arrivo dei ministri delle Finanze dei paesi dell’euro a Bruxelles, in Belgio;
13:00 – Primo incontro presieduto dal capo dell’Eurogruppo, Jeroen Dijsselbloem;
17:00 – Arrivo dei leader dell’eurozona;
18:00 – Cena di lavoro

Alla fine dei lavori è in programma una conferenza stampa congiunta cui parteciperanno il presidente del Consiglio europeo e il presidente della Commissione europea.

09:23 7 Lug 2015

Questa non è poi così breaking, considerato cosa ha già detto Juncker nei giorni scorsi, ma per completezza.

09:22 7 Lug 2015

Sul sito di Kathimerini, uno dei più importanti giornali della Grecia, c’è un lungo articolo sulle trattative degli ultimi giorni e le possibilità per il governo greco di trovare un nuovo accordo. Uno dei passaggi che viene citato in queste ore dai media di quell’articolo è questo:

Secondo alcune fonti a Bruxelles, gli altri 16 paesi su 18 dell’eurozona (il 19esimo è la Grecia, ndr) sono favorevoli ad acconsentire alla Grecia di lasciare l’area dell’euro e dovranno valutare i costi di un qualsiasi nuovo accordo per il mantenimento di Atene nella moneta unica.

09:17 7 Lug 2015

La conferenza stampa di Angela Merkel e François Hollande ieri a Parigi. Il Guardian scrive che i due avevano posizioni piuttosto diverse prima e dopo l’incontro: Hollande vorrebbe trovare un accordo con la Grecia il prima possibile, Merkel non vuole che passi il messaggio che i debiti si possono non pagare e che si possa dare un terzo prestito alla Grecia senza determinate condizioni.

09:11 7 Lug 2015

A parte le dimissioni di Varoufakis, la notizia più importante di ieri è stata probabilmente la decisione della BCE di mantenere la concessione di liquidità di emergenza (il programma ELA) alle banche greche al livello già fissato lo scorso 26 giugno, cioè a 89 miliardi di euro. Ha però stabilito che tale programma sarà fornito «solo a fronte di garanzie sufficienti» e più severe rispetto a quelle applicate finora. La banca centrale greca aveva chiesto alla BCE di proseguire con l’ELA e di aumentarne però il tetto.

La BCE ha deciso di apportare “una correzione” al valore dei titoli greci portati in garanzia dalle banche: ha cioè deciso di rivedere quello che in termini tecnici viene chiamato “haircut”, cioè lo sconto che la BCE applica sui titoli obbligazionari che le vengono dati in garanzia per accedere ai finanziamenti di emergenza ELA. Questo significa che per avere lo stesso ammontare di prestiti, le banche greche dovranno aumentare i titoli portati in garanzia. Le banche greche resteranno comunque ancora chiuse e i limiti ai prelievi resteranno in vigore.

09:08 7 Lug 2015

Le prime pagine dei giornali italiani di oggi, quasi tutte sulla Grecia. Il Tempo dice di avere un’intervista esclusiva con Yanis Varoufakis.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.