• Mondo
  • giovedì 18 giugno 2015

Muri che dividono il mondo

Le foto e le storie delle barriere che continuano a separare pezzi di terra e persone per ragioni politiche, religiose o di sicurezza

(DIMITAR DILKOFF/AFP/Getty Images)

Negli ultimi giorni si è tornati a parlare di muri e confini nell’ambito del dibattito riguardo la questione dell’immigrazione, in Italia e in Europa. L’Ungheria – governata da anni dal controverso primo ministro Viktor Orbán, spesso accusato di autoritarismo e violazione dei diritti umani – ha da poco annunciato la costruzione di un muro al confine con la Serbia, per impedire l’ingresso di migranti in territorio ungherese. Nel 2014 la Bulgaria ha costruito un muro simile con la Turchia, e due mesi fa ha detto che intende ampliarlo. Anche il Kenya ha annunciato di recente che costruirà un muro al confine con la Somalia per cercare di impedire sia passaggio dei militanti di al Shabaab, sia quello di migranti in fuga dalla Somalia.

Il muro più famoso della storia – quello di Berlino – ha smesso di separare la capitale tedesca e l’Europa nel 1989: ma ancora oggi molti altri muri o barriere continuano a definire l’identità di certe popolazioni, a separare culture diverse e ad alimentare tensioni in Europa e nel resto del mondo. Sono muri che forse non saranno mai famosi quanto quello di Berlino, ma che fanno la stessa cosa: separano pezzi di terra e persone, per ragioni politiche, religiose o di sicurezza.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.