Sony World Photography Awards, i finalisti

35 immagini da uno dei più importanti concorsi annuali di fotografia al mondo, aperto a professionisti e amatori

La World Photography Organisation ha annunciato i finalisti del Sony World Photography Awards, che dal 2007 è uno dei più importanti concorsi annuali di fotografia al mondo (loro dicono di essere “universalmente riconosciuti come i più prestigiosi premi fotografici esistenti oggi”). Il premio riguarda foto scattate nel 2014 ed è composto da tre concorsi diversi: uno per fotografi professionisti, uno “Open” per fotografi amatoriali e appassionati di fotografia, e un altro per i ragazzi con meno di 20 anni.

I finalisti sono stati scelti da una giuria di esperti internazionali della World Photographic Academy tra 174.444 progetti provenienti da 171 paesi diversi: circa il 24 per cento in più di quelli presentati l’anno scorso. I vincitori di ogni categoria e il fotografo dell’anno saranno annunciati in una serata di gala il 23 aprile, durante la quale sarà anche consegnato il premio alla carriera al fotografo Elliott Erwitt dell’agenzia fotografica Magnum, famoso per le sue immagini in bianco e nero della vita quotidiana. Dal 24 aprile al 10 maggio le fotografie finaliste e vincitrici saranno esposte in una mostra alla Somerset House di Londra dove, per la prima volta, sarà anche possibile acquistare stampe delle immagini. Tutti i finalisti si possono guardare sul sito, mentre qui si trovano i vincitori del 2014 e qui quelli del 2013.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.