• Sport
  • giovedì 17 Aprile 2014

Il Real Madrid ha vinto la Coppa del Re

Le foto della finale contro il Barcellona, giocata senza Cristiano Ronaldo e decisa da un gol segnato a velocità incredibile dal calciatore più costoso al mondo

Il Real Madrid ha vinto la Coppa del Re – la coppa nazionale di calcio spagnolo – battendo in finale il Barcellona a Valencia. Il Real ha vinto per 2-1, confermando il brutto periodo del Barcellona che è stato recentemente eliminato dalla Champions League, il più importante trofeo europeo per club, e a cinque giornate dalla fine è terzo in campionato, a quattro punti dall’Atletico Madrid (la seconda in classifica è proprio il Real Madrid).

Il Real Madrid – che ha un allenatore italiano, Carlo Ancelotti – è andato in vantaggio dopo 11 minuti con un gol del centrocampista Ángel di María; il Barcellona ha pareggiato al 23esimo del secondo tempo con un bel colpo di testa del difensore centrale Marc Bartra da calcio d’angolo. A cinque minuti dalla fine l’ala gallese Gareth Bale (diventato quest’estate l’acquisto più costoso nella storia del calcio) ha mostrato perché viene considerato uno dei calciatori più veloci del mondo: ha preso palla sulla fascia sinistra della propria metà campo, ha saltato il terzino del Barcellona e ha praticamente portato il pallone in porta, facendolo passare sotto i piedi del portiere Pinto.

Il Real Madrid aveva vinto la Coppa del Re per l’ultima volta nel 2011 – l’anno scorso era stato battuto in finale dall’Atletico Madrid – ed è ancora in corsa in entrambi gli altri tornei ancora in corso, cioè il campionato spagnolo e la Champions League: ha dimostrato ancora una volta di essere una squadra molto solida e ha vinto nonostante l’assenza del suo giocatore più forte, Cristiano Ronaldo, che era infortunato. La sconfitta del Barcellona invece ha fatto parlare di nuovo della “fine” di un’epoca, quella in cui il Barcellona – a partire dal 2009 – ha dominato gran parte delle competizioni nazionali e internazionali a cui ha partecipato, tanto da far discutere dell’ipotesi che fosse in quel momento la squadra di calcio più forte di sempre.