• Sport
  • domenica 8 settembre 2013

Le finali degli US Open

Oggi quella del singolare femminile, domani quella maschile: un riassunto del torneo, le finali già giocate e un sacco di belle foto

Domenica 8 e lunedì 9 settembre si giocheranno le finali dei tornei singolari dello US Open 2013, il torneo di tennis di New York e l’ultimo Grande Slam della stagione. Sia nel singolare femminile, che si giocherà questa sera, sia nel singolare maschile, domani sera, si affronteranno i numeri uno e i numeri due delle classifiche professionistiche. La finale femminile sarà la stessa dell’anno scorso: la statunitense Serena Williams (numero uno della classifica WTA) e la bielorussa Victoria Azarenka. Nel singolare maschile si affronteranno il serbo Novak Djokovic (numero uno della classifica ATP) e lo spagnolo Rafael Nadal.

Il torneo femminile
La statunitense Serena Williams, che in carriera ha vinto quattro volte il torneo di Flushing Meadows a New York, è la favorita. Non solo perché in carriera ha vinto molto di più rispetto alla bielorussa Victoria Azarenza, anche lei ex numero uno della classifica WTA, ma per la forma e il tennis dimostrati nel torneo. Serena Williams ha perso soltanto sedici game: il record attuale appartiene all’ex tennista cecoslovacca Martina Navratilova, che vinse gli US Open del 1983 perdendo diciannove game in tutto il torneo.

Bisogna ricordare comunque che la finale dell’anno scorso è stata molto combattuta, e Azarenka aveva avuto anche la possibilità di vincere. Le due tenniste si sono incontrate anche recentemente, nel torneo di Cincinnati – che come gli US Open si gioca sul cemento – e in quell’occasione aveva vinto Victoria Azarenka in tre set. La statunitense ha battuto in semifinale la cinese Li Na – la più forte tennista cinese di sempre – con il punteggio di 6-0 6-3. Victoria Azarenka ha battuto in semifinale l’italiana Flavia Pennetta, con il punteggio di 6-4 6-2. Per Flavia Pennetta si è trattato comunque di un ottimo risultato, dato che non era mai riuscita ad arrivare alla semifinale di un torneo del Grande Slam. La finale del singolare femminile si giocherà questa sera allo Arthur Ashe Stadium, intorno alle 16.30 ora locale, quando in Italia saranno le 22.30.

Il torneo maschile
Nella finale che si disputerà lunedì 9 settembre, Novak Djokovic e Rafael Nadal giocheranno il loro trentasettesimo incontro: è un record, che fino a lunedì sarà ancora di Ivan Lendl e John McEnroe, che si affrontarono per trentasei volte. Il bilancio attuale delle vittorie è di 21 a 15 per Nadal. Dato che è arrivato alla finale, Djokovic manterrà il primo posto in classifica anche se dovesse perdere.

Nadal ha vinto la semifinale contro il francese Richard Gasquet per tre set a zero, perdendo il servizio nel secondo set, per la prima volta in tutto il torneo. Molto più combattuta l’altra semifinale, vinta da Djokovic in cinque set contro lo svizzero Stanislas Wawrinka, che ha disputato un ottimo torneo battendo nettamente per tre set a zero, nei quarti di finale, il britannico Andy Murray, che vinse il torneo nel 2012. Il torneo singolare maschile è stato sicuramente segnato anche dalla sconfitta di Roger Federer negli ottavi di finale: lo svizzero chiuderà il 2013 senza aver vinto un torneo del Grande Slam.

Gli altri tornei
Sabato 7 settembre si è giocata la finale del torneo di doppio femminile: le cecoslovacche Andrea Hlavackova e Lucie Hradecka hanno battuto per due set a uno le australiane Ashleigh Barty e Casey Dellacqua. Andrea Hlavackova ha vinto anche la finale del doppio misto, in coppia con il bielorusso Max Mirny, uno dei maggiori specialisti di doppio degli ultimi anni. Oggi, alle 12.30 (quando in Italia saranno le 18.30), si giocherà invece la finale del doppio maschile: Leander Paes e Radek Stepanek affronteranno Alexander Peya e Bruno Soares.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.