• Mondo
  • mercoledì 24 luglio 2013

La messa di massa a Copacabana

Le foto delle 400mila persone che hanno partecipato, con qualche disguido, alla prima cerimonia per la Giornata Mondiale della Gioventù di Rio

Martedì 23 luglio circa 400mila persone hanno partecipato a una messa di massa a Rio de Janeiro, in Brasile, che ha formalmente aperto la serie di iniziative della Chiesa cattolica per la Giornata Mondiale della Gioventù (GMG). La messa si è tenuta sulla spiaggia di Copacabana ed è stata officiata dall’arcivescovo di Rio, Orani Joao Tempesta. Papa Francesco, da lunedì 22 luglio in Brasile per la GMG, non ha partecipato alla cerimonia e ha trascorso la giornata nella sua residenza privata in città.

Si stima che per le celebrazioni della GMG, che dureranno cinque giorni, a Rio de Janeiro ci saranno circa un milione e mezzo di giovani cattolici provenienti da tutto il mondo. La città si è preparata da mesi al grande afflusso di gente ma le cose per ora non sono andate molto lisce. Nel pomeriggio di martedì, per esempio, le due linee della metropolitana di Rio sono rimaste ferme per un paio d’ore a causa della rottura di un cavo della corrente, che alimenta i convogli. Decine di migliaia di persone non hanno quindi avuto la possibilità di raggiungere per tempo Copacabana, mentre diverse migliaia hanno provato a usare taxi e autobus per andare alla spiaggia, cosa che ha congestionato ulteriormente il traffico in città.

La polizia è intervenuta per disperdere alcuni gruppi di persone in prossimità di una delle stazioni della metropolitana. Sembra volessero salire a tutti i costi sui treni e protestavano per i disservizi. L’aumento dei prezzi dei trasporti pubblici era stato alla base di grandi proteste, anche violente, nella seconda metà di giugno in concomitanza con la Confederations Cup di calcio.

Le autorità di polizia di Rio sono al lavoro per rivedere parte dei sistemi di sicurezza studiati negli ultimi mesi per la visita del Papa e per la GMG. Durante il primo corteo tra la folla di lunedì, diverse persone sono riuscite ad avvicinarsi all’automobile che trasportava papa Francesco, cosa che ha fatto temere alcuni per la sua incolumità. I suoi più stretti collaboratori erano “terrificati”, ha spiegato il portavoce della Sala stampa vaticana, padre Federico Lombardi, mentre il Papa è rimasto sorridente e non è sembrato particolarmente preoccupato.

Mercoledì 24 luglio papa Francesco visiterà la Basílica do Santuário Nacional de Nossa Senhora Aparecida e farà visita ai malati dell’ospedale San Francesco di Assisi di Rio. La cerimonia di benvenuto per i giovani che partecipano alla GMG si terrà giovedì 25 luglio. Gli eventi e le manifestazioni a Rio andranno avanti fino a domenica prossima, quando sarà celebrata la santa messa per la Giornata Mondiale della Gioventù prima della partenza del Papa per il suo ritorno a Roma.

Abbonati al

Dal 2010 gli articoli del Post sono sempre stati gratuiti e accessibili a tutti, e lo resteranno: perché ogni lettore in più è una persona che sa delle cose in più, e migliora il mondo.

E dal 2010 il Post ha fatto molte cose ma vuole farne ancora, e di nuove.
Puoi darci una mano abbonandoti ai servizi tutti per te del Post. Per cominciare: la famosa newsletter quotidiana, il sito senza banner pubblicitari, la libertà di commentare gli articoli.

È un modo per aiutare, è un modo per avere ancora di più dal Post. È un modo per esserci, quando ci si conta.